in

PSA chiede 370mila euro per le 16 auto bruciate a Vigo

PSA ha chiesto a Vigo 370 mila euro per 16 auto che sono state danneggiate da fuochi d’artificio al deposito portuale di Bouzas il 19 luglio 2019

PSA Vigo
PSA Vigo

Tre tecnici e il patrono di una confraternita accusata di incoscienza nello scatenare fuochi di artificio al deposito portuale di Bouzas il 19 luglio 2019, durante i festeggiamenti, rischiano di dover pagare un risarcimento di 373.140 euro e multe di diverse migliaia di euro. Le persone coinvolte si sono dichiarate non colpevoli e non possono spiegare come sia avvenuto l’incendio. Il processo si è svolto ieri presso il Tribunale d’Istruzione numero 4 di Vigo ed è stato visto per la condanna. La casa automobilistica PSA e l’Autorità Portuale li accusano di un reato di grave danno per negligenza perché i fuochi da loro scatenati sono caduti nel parcheggio e hanno distrutto 16 auto, danneggiandone 54 che hanno dovuto essere riparate e sporcate altre 270.

PSA ha chiesto a Vigo 370 mila euro per 16 auto che sono state danneggiate da fuochi d’artificio al deposito portuale di Bouzas il 19 luglio 2019

Alla fine del processo, PSA (ora gruppo Stellantis) ha chiesto al proprietario dei fuochi d’artificio Argimiro Albores, un artigiano e la Confraternita del Santo Cristo de los Afligidos de Bouzas, che ha organizzato le feste, di pagare 373.140 euro di risarcimento danni a 340 auto nuove. I veicoli erano usciti dalla fabbrica di Balaídos e dovevano essere esportati da Bouzas. Un esperto francese ha spiegato in videoconferenza, dopo varie difficoltà tecniche e di traduzione, che calcola un deprezzamento del 30% rispetto al costo di produzione.

PSA chiede che il proprietario paghi una multa di 4.050 euro e che l’attentatore JAPC e l’apprendista CL, che ha lanciato i fuochi d’artificio, siano multati di 1.080 euro ciascuno. Il Porto propone multe comprese tra 560 e 1.800 euro e un risarcimento di 819 euro.

Le persone coinvolte si sono dichiarate non colpevoli e hanno affermato di avere tutti i permessi e le licenze in regola, che i vigili del fuoco hanno approvato l’area e che, in precedenza, hanno chiesto il permesso alla torre di controllo dell’aeroporto Peinador, che ha ordinato di attendere cinque minuti prima dello sparo dei fuochi d’artificio.

Insistono che hanno puntato i fuochi d’artificio verso il mare e che hanno inclinato i fuochi d’artificio automatici. Si trovavano in un luogo isolato e recintato, senza edifici né persone, a 48 metri dalle auto parcheggiate. Hanno misurato il vento e soffiava a 18 km / h con un’app mobile, “che era legale”, ma una serie ha restituito 15 degli 84 razzi lanciati dal petardo automatico.

Dopo aver premuto il pulsante e bruciato lo stoppino, non potevano più fermare i lanci. Quindici minuti dopo, hanno visto il fumo e hanno allertato i vigili del fuoco. La Guardia Civile ha controllato le telecamere e non ha osservato alcun intruso da incolpare per l’incendio.

Il patrono della confraternita ha affermato che il festival è di interesse turistico e ha assunto una società “prestigiosa”, poiché il suo capo presiede i fuochi d’artificio galiziani.

Ti potrebbe interessare: Martin Gurney si unisce a Polestar dopo aver trascorso oltre 20 anni in PSA

 

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento