in

FCA potrebbe dire addio ai motori diesel entro il 2022

A lanciare l’indiscrezione è il Financial Times

fca

FCA si prepara ad avviare una nuova rivoluzione. Secondo quanto riporta il Financial Times, infatti, con il nuovo piano industriale, che sarà presentato a giugno, il gruppo guidato da Sergio Marchionne potrebbe annunciare l’addio ai motori diesel che, ad oggi, rappresentano una parte considerevole per l’azienda.

Secondo queste prime indiscrezioni, l’addio ai motori diesel dovrebbe riguardare tutti i marchi del gruppo ed i relativi modelli con l’eccezione dei veicoli commerciali che continueranno, ancora per diversi anni, a poter contare sulle motorizzazioni a gasolio. L’effettivo addio ai motori diesel da parte di FCA dovrebbe concretizzarsi a partire dal 2022. 

La scelta di non portare avanti la gamma di veicoli diesel è legata, principalmente, ai costi di sviluppo. Ad oggi, infatti, con il calo delle richieste di veicoli alimentati a gasolio, i costi di sviluppo per la creazione di nuovi motori diesel in grado di soddisfare le sempre più stringenti normative in materia di emissioni sono diventati troppo elevati. Per molte aziende impegnate sul mercato automotive, quindi, dire addio al diesel sarà una scelta quasi obbligata.

E’ chiaro che per FCA chiudere il capitolo diesel non sarà facile. A differenza di Toyota, che ha interrotto quest’anno le vendite di auto diesel in Italia, il gruppo FCA non ha una gamma di vetture ibride in grado di sostituire, progressivamente, le auto alimentate a gasolio. Dopo il lancio, in Nord America, della Chrysler Pacifica, l’espansione dell’offerta ibrida da parte di FCA non è ancora iniziata.

Il gruppo ha già confermato che versioni ibride dei modelli attuali sono in arrivo per Alfa Romeo, Maserati e Jeep, e probabilmente anche per Fiat, ma le tempistiche sono, di fatto, ancora sconosciute. Di certo, se la data del 2022 per l’addio ai motori diesel sarà confermata dal piano industriale, possiamo attenderci una netta accelerazione nel processo di espansione nel mercato ibrido da parte di FCA nel corso dei prossimi anni. 

Per quanto riguarda Alfa Romeo, con la futura uscita di scena di Giulietta e MiTo, resteranno sul mercato la Giulia e lo Stelvio (oltre alla 4C), due modelli di nuova generazione che in Europa possono contare su importanti volumi di vendita per quanto riguarda il settore diesel. Queste unità a gasolio dovranno, quindi, in futuro essere sostituite da versioni a benzina ad alta efficienza o da varianti ibride. 

Ulteriori dettagli in merito al futuro di FCA ed al possibile addio ai motori diesel arriveranno, di certo, nel corso delle prossime settimane. Continuate a seguirci per saperne di più.