in

Stellantis: nuova pista di prova a Detroit per Jeep Grand Cherokee

Tra le novità per il nuovo stabilimento di Stellantis a Detroit anche una nuova pista di prova simile a un percorso a ostacoli

Fiat Chrysler Detroit
Fiat Chrysler Detroit

Stellantis ha investito 1,6 miliardi di dollari per convertire l’ex complesso di motori di Mack Avenue parzialmente inattivo sul lato est di Motor City in un sito di produzione. Creando 3.850 posti di lavoro, la fabbrica sfornerà la Jeep Grand Cherokee di nuova generazione, che è il veicolo più popolare di Jeep. Produrrà anche la nuova Grand Cherokee L a tre file, il cui lancio è previsto entro la fine di marzo.

Tra le novità anche una nuova pista di prova simile a un percorso a ostacoli installato presso il Detroit Assembly Complex, che prende il nome da una strada fuori Città del Messico con terreno accidentato. La pista e le altre misure adottate fanno parte di uno sforzo attraverso i marchi nordamericani della casa automobilistica transatlantica per migliorare la qualità dei loro veicoli afferma Mark Champine, responsabile della qualità di Stellantis nel Nord America.

La pista “Chalma” dello stabilimento fa parte del miglioramento del processo di costruzione di quei veicoli per un marchio che spinge a migliorarne la qualità. Gli ingegneri Chrysler all’inizio degli anni ’50 identificarono la strada pericolosa fatta principalmente di ciottoli come l’ispirazione per parte delle condizioni di prova presso i terreni di prova della casa automobilistica a Chelsea. Il test Chalma è uno dei 17 pensati per allungare le sospensioni e le capacità dei veicoli nel loro sviluppo. Chalma include sette elementi, inclusi dossi, tratti di ciottoli, buche e trincee.

“Dalla mia comprensione, Chalma Road era una delle strade più accidentate che stavamo cercando per aiutare a qualificare e convalidare i veicoli”, ha affermato Ray Durham, responsabile globale dei terreni di prova e delle organizzazioni di servizi di ingegneria di Stellantis. “Da allora, si è evoluta.”

Ora, la casa automobilistica sta adottando di nuovo Chalma per un esame di fine linea meno intensivo a cui sarà sottoposto ogni veicolo presso lo stabilimento di assemblaggio Mack. Comprende alcuni degli stessi elementi che si possono trovare in Chalma Road. 

Questo è fondamentale per identificare i problemi sulla catena di montaggio e per risparmiare tempo ai partner e ai clienti al dettaglio, ha affermato Champine. Ci sono controlli di qualità in varie stazioni durante il processo di costruzione, ma questa verifica il prodotto finale così come lo useranno i clienti. Anche i nuovi SUV Jeep Wagoneer e Grand Wagoneer più grandi saranno testati su un percorso a ostacoli simile presso il Warren Truck Assembly Plant quando verranno lanciati nel secondo trimestre.

Ti potrebbe interessare: Jeep Wagoneer e Grand Wagoneer 2022: alcune concessionarie hanno aperto le prenotazioni

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento