in

Stellantis e Total potrebbero generare 2.000 posti di lavoro per la produzione di batterie

La nuova fabbrica di batterie per auto elettriche di Stellantis e Total potrebbe generare tra 1.400 e 2.000 posti di lavoro entro il 2030 a Douvrin

Stellantis

La nuova fabbrica di batterie per auto elettriche di Stellantis e Total potrebbe generare tra 1.400 e 2.000 posti di lavoro entro il 2030 a Douvrin. Il 25 febbraio verrà avviata una consultazione intorno ad uno stabilimento situato nel sito della Française de Mécanique, che produce motori per Peugeot, Citroën e altri marchi del gruppo Stellantis (ex PSA). La joint venture, denominata Automotive Cells Company (ACC), riunisce al 50-50 Stellantis con lo specialista francese di batterie Saft, una filiale di Total. Il management di ACC non ha commentato una possibile fusione con Renault, che sembra essere ad un punto morto.

La nuova fabbrica di batterie per auto elettriche di Stellantis e Total potrebbe generare tra 1.400 e 2.000 posti di lavoro entro il 2030 a Douvrin

Come primo passo, l’ACC dovrebbe avere un centro di ricerca operativa a metà del 2021 a Bruges, vicino a Bordeaux. Un impianto pilota è in costruzione anche a Nersac, vicino ad Angoulême.

La costruzione di un primo blocco di questa “gigafactory” dovrebbe iniziare all’inizio del 2022 nei comuni di Douvrin e Billy-Berclau, affinché la produzione inizi alla fine del 2023. Tra 350 e 500 persone dovrebbero lavorare in questo primo “blocco” già nel 2024, ha detto durante una conferenza stampa il CEO di ACC, Yann Vincent.

“I processi di produzione che utilizzeremo sono molto automatizzati e molto sofisticati nel loro funzionamento. Avremo bisogno di operatori di linea automatizzati competenti, professionisti della manutenzione, alcuni esperti di chimica e tecnici della qualità “, ha spiegato Yann Vincent.

La fabbrica di batterie “è una soluzione, forse solo parziale”, al “calo di attività” nella costruzione di motori termici e più in generale alla deindustrializzazione. “Non vedo perché qualcuno che lavora in Bridgestone oggi non avrebbe il giusto livello di competenze per lavorare in ACC”, ha detto Yann Vincent.

L’obiettivo è raggiungere inizialmente una capacità di 8 GWh, quindi una capacità cumulativa di 48 GWh entro il 2030 in totale nei due siti. L’ACC mira quindi a fornire circa un milione di auto all’anno. “La nostra vocazione è servire Stellantis, ma non solo. Stiamo già discutendo con tutti i produttori ”, ha sottolineato Yann Vincent. “La nostra ambizione è quella di essere il leader europeo nelle celle e nei moduli di batterie per veicoli elettrici”.

Ti potrebbe interessare: Stellantis estende lo stop alla produzione in Italia per carenza di chip

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento