in

Fiat 500L: l’addio è imminente

Addio vicino per Fiat 500L: la vettura uscirà di produzione entro la fine del 2021

Fiat 500L ibrida 2019

Arrivano brutte notizie per Fiat 500L. La celebre vettura della gamma di 500 sembrerebbe ormai avere i mesi contati. Si dice infatti che la vettura potrebbe uscire di produzione entro la fine del 2021. Ricordiamo che questa auto viene prodotta in Serbia nello stabilimento Fiat Chrysler Automobiles di Kragujevac. La carriera di questo modello ha avuto inizio nel 2012 e alcuni anni fa ha subito un aggiornamento di metà carriera.

Addio vicino per Fiat 500L: la vettura uscirà di produzione entro la fine del 2021

Già da tempo le vendite della Fiat 500L sono in netto calo in tutto il mondo. Le monovolume ormai hanno perso quote di mercato a causa del cambiamento nei gusti dei clienti che cercano sempre più SUV e crossover. Già negli Stati Uniti questa vettura di Fiat è uscita di scena a fine 2020 insieme alla Fiat 124 Spider.

La stessa cosa potrebbe accadere entro fine anno nel resto del mondo. Al momento non è ancora chiaro cosa accadrà a Kragujevac. Sembra probabile che dal 2022 possa iniziare la produzione di un nuovo modello che molto probabilmente sarà un SUV.

Ricordiamo anche che negli scorsi mesi il numero uno del marchio Fiat, Oliver Francois aveva anticipato che nei prossimi anni Fiat 500X e 500L sarebbero state sostituite da un unico modello: un SUV dalle dimensioni leggermente maggiori rispetto alla 500X ma con un design più vicino al crossover di Fiat piuttosto che alla sua monovolume.

Probabile che entro la fine del 2021 avremo maggiori informazioni su questo modello attualmente conosciuto con il nome di Fiat 500XL destinato a far parlare a lungo di se quando finalmente verrà presentato.

Ti potrebbe interessare: Chevrolet, Volkswagen e Fiat non hanno mai “combattuto” così tanto per i clienti brasiliani

 

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento