in

Si chiude la stagione di Formula 1 ad Abu Dhabi: c’è Max Verstappen davanti a tutti

L’olandese della Red Bull vince per la seconda volta durante questa stagione, quindi per la decima volta in carriera

Verstappen

Il campionato mondiale di Formula 1 si chiude con un Gran Premio, quello di Abu Dhabi, decisamente monotono un po’ come tutti gli altri disputati sul tracciato di Yas Marina prima d’ora. A vincere, conducendo dall’inizio fino alla fine, è Max Verstappen. L’olandese della Red Bull ha condotto la gara partendo dalla pole position, senza alcuna sbavatura. È stato davvero perfetto Max, un autentico dominatore che ha oscurato per una volta il dominio Mercedes.

Verstappen
Max Verstappen ha concluso la stagione sul gradino più alto del podio

Anche a Yas Marina le monoposto della Stella avevano sempre vinto da quando si corre su questo tracciato, ora con Verstappen la musica è cambiata e va benissimo così. È la decima vittoria in carriera per il giovane pilota Red Bull, quella che lo ha fissato al terzo posto nel Mondiale Piloti a soli otto punti di distacco da Valtteri Bottas finito secondo alle spalle del già campione del mondo Lewis Hamilton.

Mercedes
La festa Mercedes con Valtteri Bottas e Lewis Hamilton

Verstappen ha vinto per la seconda volta in stagione, dopo l’acuto di Silverstone, e fornisce un necessario biglietto da visita per la stagione 2021. Niente da fare quindi per le due Mercedes. Bottas non è apparso mai in grado di impensierire Verstappen, ma ha gestito comunque la seconda posizione fino al traguardo che lo ha posto davanti al compagno di squadra Lewis Hamilton ancora non in perfetta forma dopo la parentesi di stop per aver contratto il COVID-19. La Mercedes di oggi è apparsa in leggero affanno, soprattutto quando ha dovuto ridurre la potenza della power unit per il pericolo di incorrere in qualche problema di affidabilità. Il problema improvviso di Sergio Perez lo ha infatti condotto al ritiro già al decimo giro, dopo la straordinaria performance del Sakhir di settimana scorsa. Ne deriva che la Mercedes è apparsa oggi piuttosto in disparte, anche per quello che riguarda i team motorizzati con la sua power unit: come si diceva, Lewis Hamilton è apparso piuttosto sofferente mentre Valtteri Bottas lo ha tenuto dietro forse solo per questa motivazione.

McLaren ancora molto bene

Alle spalle dei primi tre è giunto un convincente Alexander Albon che sente sul collo il fiato di Sergio Perez: secondo indiscrezioni, il messicano sarebbe già pronto a firmare con la Red Bull. In ogni caso l’anglo thailandese è riuscito a mettere in pratica una gara decisamente interessante, riuscendo anche a raggiungere Hamilton sul finale. Probabilmente se avesse avuto a disposizione un solo altro giro, sarebbe riuscito a sopravanzarlo.

Lando Norris
Lando Norris

Ancora degna di nota la gara della McLaren che ha ulteriormente cementato la terza posizione nella classifica del Mondiale Costruttori. La coppia formata da Lando Norris e Carlos Sainz è stata costantemente dietro ai migliori per tutta la stagione: oggi Norris ha terminato quinto, davanti a Sainz. Un risultato che ha fatto esultare Zak Brown, soprattutto ad un terzo posto finale nel Costruttori decisamente inatteso a inizio stagione. La McLaren, a piccoli passi, sta tornando ad essere un team di rilievo nel Mondiale. In termini di classifica, va male alla Racing Point che dopo il ritiro di Perez segna solamente un decimo posto per Lance Stroll: decisamente troppo poco.

Perez
Sergio Perez ha dovuto abbandonare la gara per un problema alla power unit Mercedes

Alle spalle di Sainz c’è quindi Daniel Ricciardo con la prima delle Renault; l’australiano, che il prossimo anno sarà in McLaren, ha anche segnato il giro più veloce della gara durante l’ultima tornata. Dietro di lui un bravo Pierre Gasly con l’AlphaTauri seguito da Ocon con l’altra Renault. Ha concluso undicesimo Daniil Kvyat che per il 2021 non avrà un sedile a disposizione: a Faenza c’è il rammarico di una stagione bellissima che con qualche risultato più consistente, alla portata, avrebbe scavalcato la Ferrari per la sesta piazza finale nel Costruttori.

Ferrari ulteriormente bocciata

La Scuderia chiude il campionato con le ossa rotte. Ad Abu Dhabi la Ferrari scivola oltre la zona punti un’altra volta. Zero punti anche per Kimi Raikkonen che con l’Alfa Romeo Racing, dodicesimo, ha tenuto dietro sia Charles Leclerc (alle sue spalle) che Sebastian Vettel 14esimo dimostrando (se ce ne fosse bisogna) un gran carattere.

Kimi Raikkonen
Kimi Raikkonen

Insomma, entrambi i piloti del Cavallino Rampante hanno deluso un’altra volta sebbene i meriti della difficile stagione siano attribuibili ad una SF1000 disastrosa che ha condotto la Scuderia solamente al sesto posto nel Mondiale Costruttori a +24 punti dall’AlphaTauri (settima) e a -442 dalla Mercedes prima in classifica. Un abisso che deve condurre ad una seria riflessione.

Vettel
Sebastian Vettel ha concluso l’ultimo appuntamento con la Scuderia senza troppo clamore

Si attende un 2021 in cui la nuova power unit dovrebbe fornire ciò che manca, ma abbiamo più volte analizzato che non si tratta dell’unico male di questa monoposto. Vettel ha chiuso così la sua avventura con Cavallino Rampante, dove non si aspettava di certo d’essere. Alla Ferrari manca tutto. Bisogna fare qualcosa e in fretta. Peccato per Giovinazzi che ha concluso sedicesimo dietro a Russell e davanti a Latifi, Magnussen e Fittipaldi.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento