in

La Maserati Ghibli SS 4.9 compie 50 anni

La produzione del modello con motore V8 da 4.9 litri iniziò nel 1970

Maserati Ghibli SS

In concomitanza con la presentazione della Ghibli ristilizzata durante il Salone di Torino del 1970, la casa automobilistica modenese avviò la produzione della Maserati Ghibli SS. Questa vettura aveva sotto il cofano un motore V8 a carter secco da 4.9 litri capace di sviluppare una potenza di 335 CV che gli permetteva di raggiungere una velocità massima di 280 km/h.

Oltre a delle prestazioni di alto livello, la Ghibli SS proponeva diverse caratteristiche orientate al lusso. Ad esempio, l’auto offriva di serie un piantone dello sterzo regolabile, dei sedili in pelle reclinabili con poggiatesta, dei finestrini oscurati con alzacristalli elettrici, aria condizionata, orologio sulla plancia, lunotto posteriore con sbrinatore e bloccasterzo.

Maserati Ghibli SS
Maserati Ghibli SS profilo laterale

Maserati Ghibli SS: la vettura con motore V8 da 4.9 litri festeggia i suoi primi 50 anni

Il Tridente produsse anche appena 25 esemplari della versione spider che ad oggi è molto ricercata dai collezionisti. Oltre al nuovo propulsore da 4.9 litri, la Ghibli SS disponeva di quattro carburatori Weber 42 DCNF e un accensione a stato solido. Complessivamente, la casa automobilistica modenese costruiti 1149 coupé e 125 spider durante l’intero periodo della produzione ma pare che soltanto 250 fossero in versione SS 4.9.

Con questa vettura, il Tridente portò sul mercato un degno concorrente delle Ferrari 275 GTB e Lamborghini 400 GT. Proprio come le Mistral e Khamsin, la Ghibli prende il nome da un vento e questo rispecchiava le prestazioni nelle varie prove su strada. Ritornando alla Maserati Ghibli SS, vi ricordiamo infine che presenta una carrozzeria lunga oltre 4,5 metri e larga 1,80 metri e un’altezza da terra particolarmente contenuta.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento