in ,

Fiat Mirafiori e Grugliasco, restyling e cassa integrazione

Fiat Mirafiori Grugliasco cassa integrazione straordinaria

E’ in arrivo un restyling per le sedi di Fiat Mirafiori e Fiat Grugliasco, con la sistemazione che avverrà nell’arco di un anno e che vedrà un incremento della sicurezza e un rinnovamento delle tecnologie informatiche presenti nei due stabilimenti. La notizia, tuttavia, sta facendo discutere nelle ultime ore, a causa del rinnovo della cassa integrazione straordinaria proposto ad oltre 6.000 lavoratori.

Le normative Fiat-Chrysler hanno ormai degli standard nettamente superiori rispetto a come sono messi, allo stato attuale, gli stabilimenti Fiat Mirafiori e Grugliasco, per i quali è stato appositamente ideato un piano di rinnovo che partirà proprio in questo mese, con termine previsto per settembre 2015.

Il restyling, che curerà la sicurezza e le strutture informatiche presenti a Mirafiori e Grugliasco, non influirà sulla produzione di Alfa Romeo Mito, Maserati Quattroporte, Ghibli e delle scocche Maserati GranTurismo e GranCabrio.

A preoccuparsi, tuttavia, sono i 6.270 impiegati negli stabilimenti di Fiat Mirafiori e Grugliasco, che a causa di questa “riorganizzazione aziendale” (così la casa ha ribattezzato i lavori previsti) si troverebbero alle prese con una nuova cassa integrazione straordinaria. La decisione, ovviamente, non è stata ben accolta dagli operai e neanche dal segretario Fiom Federico Bellono, che ha dichiarato: “Mancano impegni e programmi precisi, verificabili e esigibili. Al momento c’è soltanto la certezza della cigs“.

Hai le notifiche bloccate!!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Un commento

Lascia il tuo commento, condividi il tuo pensiero

    Lascia un commento