in

BMW dovrà pagare una multa di 18 milioni di dollari agli USA

BMW dovrà pagare una multa di 18 milioni di dollari per risolvere le accuse di aver divulgato informazioni fuorvianti sul volume delle vendite

BMW
BMW

BMW e due sussidiarie statunitensi hanno concordato giovedì di pagare una multa di 18 milioni di dollari per risolvere le accuse di aver divulgato informazioni fuorvianti sul volume delle vendite al dettaglio della casa automobilistica di lusso tedesca negli Stati Uniti, raccogliendo circa 18 miliardi di dollari dagli investitori in offerte di obbligazioni societarie.

La Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti ha affermato che dal 2015 al 2019, BMW ha gonfiato le vendite al dettaglio negli Stati Uniti, il che ha aiutato BMW a colmare il divario tra il volume delle vendite al dettaglio effettivo e gli obiettivi interni e “mantenere pubblicamente una posizione di leadership nelle vendite al dettaglio rispetto ad altre aziende automobilistiche premium”.

Ha aggiunto che la BMW del Nord America “ha mantenuto una riserva di vendite di veicoli al dettaglio non dichiarate – internamente denominata ‘banca’ – che ha utilizzato per soddisfare gli obiettivi di vendita mensili interni senza riguardo a quando si sono verificate le vendite sottostanti”. L’indagine della SEC è iniziata alla fine del 2019.

“Non vi è alcuna accusa o conclusione nell’Ordine che qualsiasi entità BMW sia impegnata in una cattiva condotta intenzionale”, ha detto il produttore tedesco in una dichiarazione, aggiungendo che “attribuisce grande importanza alla correttezza dei suoi dati di vendita e continuerà a concentrarsi su rapporti di vendita completi e coerenti. ” La SEC ha detto che la BMW “ha pagato i concessionari per designare in modo impreciso i veicoli come dimostranti o in prestito in modo che la casa bavarese li considerasse venduti ai clienti quando non lo erano stati”.

“BMW ha indotto in errore gli investitori circa le sue prestazioni di vendita al dettaglio negli Stati Uniti e la domanda dei clienti per i veicoli della casa tedesca nel mercato statunitense, mentre raccoglieva capitali negli Stati Uniti”, ha detto Stephanie Avakian, direttore della SEC per la divisione dell’applicazione. Nel settembre 2019, Fiat Chrysler Automobiles e la sua unità statunitense hanno accettato di pagare 40 milioni di dollari per aver ingannato gli investitori sui dati di vendita mensili per risolvere un’indagine SEC separata.

Ti potrebbe interessare: A volte ritornano: la nuova BMW M3 Competition sfida l’Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento