in

Alfa Romeo Stelvio: il video della prova di “Car Wow”

La SUV del Biscione brilla soprattutto per il divertimento di guida.

Alfa Romeo Stelvio
Alfa Romeo Stelvio

La nuova Alfa Romeo Stelvio è stata recentemente introdotta sul mercato britannico e su internet appaiono le prime recensioni, come la prova – con annesso video – del sito inglese “Car Wow“. Questo portale è consultato come guida all’acquisto da parte degli automobilistici britannici, perciò nella pagina riepilogativa appare il punteggio di 7,7 su 10 per la vettura, frutto di dieci recensioni.

Testata da Mat Watson, la Alfa Romeo Stelvio brilla soprattutto per il piacere di guida, davvero divertente perché orientata alla sportività. La vettura è giudicata anche spaziosa, nell’abitacolo e, soprattutto, nel bagagliaio. Quest’ultimo, infatti, ha la capacità minima di 525 litri e la capienza massima di 1.600 litri.

In sintesi, i tre pregi della Alfa Romeo Stelvio sono i motori prestanti, lo stile della carrozzeria e il divertimento di guida. I tre aspetti da rivedere secondo Watson sono le finiture degli interni, la taratura delle sospensioni e la leggibilità del display da 8,8 pollici del sistema multimediale Alfa Connect.

La gamma d’oltremanica della Alfa Romeo Stelvio è la stessa prevista per l’Italia, con il motore a benzina 2.0 Turbo a quattro cilindri nelle versioni da 200 CV e 280 CV di potenza, oppure il propulsore a gasolio 2.2 Turbo Diesel nelle declinazioni da 180 CV e 210 CV di potenza, in abbinamento sia alla trazione integrale Q4 che al cambio automatico AT8 ad otto rapporti.

Tuttavia, l’unità 2.2 Turbo Diesel da 180 CV è disponibile anche con la sola trazione posteriore. Inoltre, la gamma britannica della Alfa Romeo Stelvio è declinata in quattro livelli di allestimento: Standard, Super, Speciale e Milano. Prossimamente, la novità internazionale sarà rappresentata dalla versione sportiva con la denominazione Quadrifoglio.

Lascia un commento

Written by Dario Montrone

Blogger, ma soprattutto giornalista freelance del settore auto da oltre dieci anni. Sono appulolucano e, nel tempo libero, pratico il 'free riding'. "Auto Storiche Italiane" è il titolo del mio primo libro, scritto qualche anno fa.