in

Brembo aumenta la sua quota di partecipazione in Pirelli

Per il momento non è prevista nessuna fusione fra i due grandi produttori

Brembo-logo

Brembo ha iniziato il 2020 con l’acquisto di una piccola quota di partecipazione in Pirelli tramite la sua società madre Nuova FourB. La piccola partecipazione del 2,43% è stata acquistata all’insaputa di Pirelli e dei suoi azionisti.

Ora, il famoso produttore italiano di impianti frenanti ha aumentato la sua quota dal 2,43% a quasi il 5% (esattamente il 4,99%), secondo quanto affermato da Autonews Europe. Matteo Tiraboschi, vicepresidente esecutivo di Brembo, ha detto a Reuters che la sua azienda non sta pianificando di aumentare ulteriormente la sua partecipazione in questo momento in Pirelli e soprattutto non vuole giocare alcun ruolo nella governance del noto produttore di pneumatici.

Pirelli pneumatici
Pirelli, Brembo aumenta la sua quota di partecipazione ma per il momento non è prevista alcune fusione

Brembo: la quota di partecipazione in Pirelli adesso è del 4,99%

Abbiamo fatto un investimento che avevamo deciso prima dello scoppio della pandemia, in un’azienda che conosciamo e rispettiamo molto, con un posizionamento di mercato molto simile al nostro“, ha affermato Tiraboschi. Mentre Pirelli precedentemente aveva dichiarato di non avere intenzione di fondersi con nessun’altra azienda, questa mossa a sorpresa aumenterà sicuramente le speculazioni sulla futura unione tra i due produttori.

Brembo e Pirelli assieme potrebbero creare un gigante della fornitura di componenti per auto. In questo momento, la prima società si occupa di produrre impianti frenanti per diverse case automobilistiche come Ferrari e Tesla e per la varie scuderie di Formula 1 mentre Pirelli fornisce i suoi pneumatici a vari team di F1 e a marchi come BMW e Audi. Sarà interessante a questo punto vedere cosa accadrà nei prossimi mesi.

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento