in

Regno Unito: a rischio 11.000 posti di lavoro nel settore automobilistico

Il settore automotive resta tra i più forti del Regno Unito nonostante la crisi

mercato auto

In alcuni degli ultimi articoli pubblicati su ClubAlfa.it abbiamo visto che il settore automobilistico britannico ha subito e sta ancora subendo pesanti danni a causa del coronavirus.

Nelle scorse ore Mike Hawes, amministratore delegato della Society of Motor Manufacturers and Traders (SMMT), ha affermato che il settore automotive del Regno Unito potrebbe affrontare un altro importante colpo che riguarda la perdita di maggiori posti di lavoro rispetto agli 11.000 stimati precedentemente.

mercato auto italia
Regno Unito, la produzione di auto per quest’anno ha perso 300.000 unità

Regno Unito: è difficile al momento prevedere il numero di posti di lavoro che andranno persi

Durante l’evento Autocar Business Live, il dirigente della SMMT ha ammesso che sarà difficile prevedere il numero complessivo dei posti di lavoro persi che si verificheranno una volta terminato il programma di licenziamento attuato dal governo. Il mese scorso, la SMMT ha suggerito che un posto di lavoro su sei nel settore automobilistico britannico potrebbe essere a rischio.

Conosciamo almeno 11.000 lavori che hanno attraversato la produzione e la vendita al dettaglio, ma temo che questa sia la punta dell’iceberg. Questo è ciò che è stato pubblicamente annunciato“, ha dichiarato Hawes.

Quest’anno abbiamo perso 300.000 unità dalla produzione di auto, per un valore di 8 miliardi di sterline, e le fabbriche faranno fatica a recuperare questo denaro. I modelli di spostamento sono stati influenzati. Non puoi fare gli straordinari. La capacità di mantenere i livelli di produzione durante il distanziamento sociale è difficile. Prevediamo volumi di produzione di circa 880.000 quest’anno – davvero bassi e inferiori alla crisi finanziaria di un decennio fa“, ha affermato Mike Hawes.

Nonostante tutti i problemi, però, l’amministratore delegato della SMMT ha detto che quello automobilistico è ancora un settore fondamentalmente forte in termini di competitività, eccellenza ingegneristica e forza lavoro altamente qualificata.

Sembra che le notifiche siano off!