in

Dodge Demon: il concept più roadster che muscle car

La vettura nascondeva sotto il cofano un motore a quattro cilindri da 2.4 litri

Dodge Demon concept

Sono poche le persone che ricordano la vecchia concept car Dodge Demon del 2007 che non ha nulla a che fare con la potente muscle car di qualche anno fa. La casa automobilistica può vantare una line-up di veicoli molto interessante ma spesso e volentieri amava mettere in luce dei concept particolari che non sono stati mai messi in produzione.

Questa Demon ne è l’esempio e avrebbe dovuto debuttare sul mercato come un modello più piccolo ed economico della Viper. Non era la prima volta che Chrysler aveva provato a portare in commercio una piccola auto sportiva adatta a tutti.

Dodge Demon concept
Dodge Demon, la roadster mai giunta alla produzione in serie

Dodge Demon: la versione finale doveva essere un modello più economico e piccolo della Viper

Un esempio fra tutti è la Crossfire basata sulla Mercedes SLK e prodotta tra il 2004 e il 2008. La roadster doveva competere sul mercato con artisti del calibro di Mazda Miata, Pontiac Solstice e Saturn Sky.

La casa automobilistica americana scelse di utilizzare un motore a quattro cilindri in linea da 2.4 litri che sviluppava una potenza di 174 CV e 224 nm di coppia massima, abbinato a un cambio manuale a 6 marce che scaricava la potenza sulle ruote posteriori.

Dodge Demon concept
Dodge Demon interni

In termini di proporzioni, la concept car era abbastanza piccola in quanto era lunga solo 3962 mm e larga 1735 mm. Il peso, invece, si attestava attorno ai 1180 kg. Dodge aveva l’obiettivo di portare sul mercato questa Dodge Demon per venderla a un prezzo di 15.000 dollari (12.819 euro).

Purtroppo, come ben sapete, questa vettura non vide mai la produzione in massa e la denominazione Demon fu utilizzata per la prestante Challenger SRT Demon da oltre 850 CV.

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento