in

Montezemolo vede un fallimento organizzativo in Ferrari

Montezemolo ritiene che il team Ferrari abbia commesso un grave errore organizzativo

Luca Cordero di Montezemolo

Luca Cordero di Montezemolo è molto preoccupato per l’attuale situazione della Ferrari. L’ex presidente del marchio italiano ritiene che il team abbia commesso un grave errore organizzativo e incoraggia il consiglio a prendere decisioni efficaci il prima possibile. Mattia Binotto ha troppe responsabilità da sostenere e ha bisogno di aiuto. Montezemolo ritiene che John Elkann e Louis Camilleri dovrebbero prendere le decisioni riguardanti il ​​futuro della Scuderia il più presto possibile per mettere in forma la scuderia in vista del 2021 e del 2022. L’italiano ritiene che Mattia Binotto abbia bisogno di supporto al timone della squadra.

“Devono avere il coraggio di arrendersi in questa stagione, ma sono molto preoccupato per quanto segue: il management della Ferrari deve ora prendere decisioni coraggiose, prendere il toro per le corna”, ha detto. ” Il problema che hanno è nell’organizzazione : ora c’è solo una persona che è giovane e ha troppe responsabilità sulle spalle. In realtà, Mattia Binotto è solo. Non ci sono altre squadre organizzate come questa. Binotto è responsabile della gestione dello sport, la gestione dei piloti, l’area tecnica e deve anche occuparsi di politica interna “.

“Penso che sia eccessivo parlare di ristrutturazione del team, ma è necessario organizzarlo al più presto. E se la macchina non migliorerà quest’anno, sarà anche peggio la prossima stagione. Devi essere coraggioso a rinunciare al 2020 perché giocano anche nel 2021 e 2022. Sono molto preoccupato “. Montezemolo, che ha lasciato la presidenza Ferrari nel 2014, riconosce che gli piacerebbe riprendere la posizione ora ricoperta da John Elkann. Tuttavia, è impossibile. D’altra parte, Montezemolo spiega che ai suoi tempi ha lavorato con i migliori nomi di questo sport. Tuttavia, ora tutti i cervelli del successo della Ferrari nell’età d’oro con Michael Schumacher sono emigrati in Mercedes.

“Ferrari? Adesso vorrei tornare a Maranello, ma non ho alcuna possibilità. Avevo una squadra che era la migliore del meglio ai miei tempi. Todt, Brawn, Bryne, Martinelli, Domenicali. La F1 è come il grande calcio internazionale. Devi cercare campioni per vincere, devi cercare il meglio “, ha dichiarato in un’intervista sul programma La Politica nel Pallone. “I nomi di recente talento hanno lasciato la Ferrari. Prima James Allison, poi Lorenzo Sassi e tutti sono andati in Mercedes ” , ha aggiunto.

 

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento