in

Alfa Romeo Giulietta e MiTo: per Reid Bigland sempre più marginali

Per il numero uno di Reid Bigland, Alfa Romeo Giulietta e MiTo sempre meno importanti

Alfa Romeo
Alfa Romeo

Incalzato dalla stampa, l’amministratore delegato del Biscione, Reid Bigland, ha detto di non avere nulla da comunicare in merito ad Alfa Romeo Giulietta e MiTo. Il numero uno della casa automobilistica del Biscione ha fatto capire che al momento gli interessi dei dirigenti di Alfa Romeo sono diretti verso altri tipi di modelli. Quelli che, per intenderci, al momento sono più in voga sul mercato. Bigland ovviamente non ha escluso che in futuro nuove versioni di Giulietta e MiTo arriveranno, ma non si tratta al momento di un qualcosa di imminente.

Infatti se attualmente nessuna erede di Alfa Romeo MiTo è prevista, per quanto riguarda la nuova generazione di Alfa Romeo Giulietta, come minimo si dovrà aspettare il 2019, ma non si esclude al momento la possibilità di un ulteriore slittamento. Infatti i prossimi modelli su cui il brand milanese di Fiat Chrysler Automobiles punterà sono i Suv. Non è ancora chiaro se prima arriverà un crossover dalle dimensioni ridotte oppure un grande Suv di classe E, ma appare certo che i prossimi modelli ad aggiungersi a Stelvio e Giulia saranno proprio loro. Molto dipenderà anche dalla categoria in cui questi veicoli si andranno a collocare e dai numeri che questi potranno garantire alla casa automobilistica del Biscione.

Alfa Romeo Giulietta
Alfa Romeo Giulietta e MiTo sempre più marginali nel futuro del Biscione

Leggi anche: Alfa Romeo Stelvio: “Special Open Day Alfa Romeo” a Palermo

Infatti al momento questa è l’unica cosa che conta, in vista del raggiungimento delle 400 mila immatricolazioni annue entro il 2020, le future vetture che arriveranno ad arricchire la gamma del brand di Arese saranno proprio quelle che possono garantire i numeri maggiori nelle vendite. Alfa Romeo Giulietta e MiTo dunque sono destinate a diventare sempre più marginali per il semplice fatto che al di fuori del vecchio continente questi due modelli non hanno mercato. Questa è una cosa di cui i dirigenti del Biscione non possono non tenere in considerazione visto quello che è il loro obiettivo finale.

Alfa Romeo Stelvio

Alfa Romeo Stelvio: “Special Open Day Alfa Romeo” a Palermo

Fiat Ducato: richiamo per alcuni modelli prodotti tra il 2016 e il 2017