in

Ferrari F40: questo esemplare del 1991 può dare ancora tanto

Questa bellissima F40 ha percorso poco più di 10.000 km

Ferrari F40 1991 asta online

La Ferrari F40 è senza dubbio una delle auto più apprezzate della casa automobilistica modenese ed è arrivata sul mercato come discendente della 288 GTO. La F40 fu uno dei progetti più interessanti concepiti da Enzo Ferrari ed è uno degli ultimi veicoli arrivati sul mercato prima della sua morte.

A differenza delle moderne supercar, le sue curve semplici e gli spigoli ben presenti gli permettono di essere riconosciuta anche a chilometri di distanza. Dando un’occhiata agli interni, possiamo notare un cambio manuale, degli indicatori analogici e un sacco di fibra di carbonio.

Ferrari F40 1991 asta online
Ferrari F40 interni

Ferrari F40: RM Sotheby’s sta proponendo all’asta un bellissimo esemplare del 1991

Il motore nascosto sotto il cofano può essere trovato nelle Ferrari entry-level. Si tratta di un V8 da 2.9 litri montato in posizione centrale e con doppio turbocompressore capace di sviluppare una potenza di 485 CV e 575 nm di coppia massima. Anche se parliamo di numeri non sicuramente di alto livello per gli standard odierni, nel 1987 erano parecchi.

Basta guardare la più recente F8 Tributo oppure la precedente 488 per vedere come i numeri sono cambiati. La Ferrari F40 resta comunque una vettura iconica e non c’è niente di simile al momento sul mercato, oltre ad essere parecchio diversa dalla 288 GTO che l’ha preceduta e allo stesso modo dalla F50 che l’ha sostituita.

La casa automobilistica modenese ha realizzato diversi esemplari della supercar, quindi vederne uno all’asta non è poi un evento così raro come invece accadrebbe con una 288 GTO. Ad esempio, la vettura proposta in vendita da RM Sotheby’s è una delle sole 213 unità costruite per gli Stati Uniti. Oltre a questo, il contachilometri segna appena 10.460 km.

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento