in

Charles Leclerc si dice sorpreso per il grosso divario in qualifica

Per Charles Leclerc il divario che divide la Ferrari dalle posizioni di vertice è una sorpresa, ma con l’asciutto le cose forse potrebbero andare meglio

Leclerc

È passata una settimana dall’incredibile secondo posto finale introdotto da Charles Leclerc in un Gran Premio d’Austria rocambolesco come pochi. La concatenazione delle situazioni ha di certo aiutato, in accordo con una condotta comunque apparsa comunque intelligente. Nessuno si aspettava che il monegasco avrebbe raggiunto tale risultato viste anche le prestazioni di una SF1000 che non funziona.

Aveva fatto riflettere anche la dichiarazione di Sebastian Vettel che aveva posto la Mercedes come facente parte di un altro campionato e la Ferrari inclusa in un gruppetto che vedeva tra gli altri le ottime McLaren, Renault e Racing Point. Un ordine di valori ampiamente condiviso che anche in questo appuntamento della Stiria sembra certificare ogni parola espressa dal tedesco.

Un distacco notevole

Tornando nuovamente a Charles Leclerc, il monegasco è chiamato di nuovo a realizzare una possibile rimonta dopo quanto fatto vedere la scorsa settimana. La qualifica bagnata ha infatti prodotto una nuova sistemazione in griglia decisamente non degna del nome Ferrari tanto che stavolta Leclerc non è riuscito ad accedere alla Q3 al contrario di Sebastian Vettel. La SF1000 continua a non convincere nessuno e la platea di avversari appare sempre più corposa e agguerrita. La Mercedes sembra irraggiungibile, e probabilmente almeno in qualifica lo è sicuramente.

Le dichiarazioni di Leclerc forniscono una costatazione del reale visto che questa Ferrari si trova praticamente altrove, tanto che è quasi difficile capire dove: “il divario dalle macchine che sono davanti a noi è veramente sorprendente. Il lavoro da fare è davvero moltissimo ma in termini di bilanciamento la SF1000 sembra buona ed è piacevole da guidare anche sul bagnato. Ma i problemi ci sono e sono tutti da risolvere” ha ammesso Charles che oggi partirà quattordicesimo a causa di una penalità che lo ha arretrato di tre posizioni sulla griglia di partenza.