in

Gran Premio della Stiria: Vettel alla ricerca del carico aerodinamico

Sebastian Vettel ha ammesso che la SF1000 non va come dovrebbe probabilmente anche a causa di un carico aerodinamico al di sotto delle aspettative

Sebastian Vettel 2

Rispetto alla scorsa domenica, lo stesso tracciato del Red Bull Ring stavolta per il Gran Premio della Stiria ha visto Sebastian Vettel riuscire a superare la tagliola della Q2 (piazzandosi in una non esaltante decima posizione di partenza) per una questione di millesimi nel confronto col compagno di squadra Charles Leclerc che stavolta non è riuscito ad entrare in Q3. In ogni caso il risultato appare ancora una volta deludente sia per Sebastian che per chiunque dia un’occhiata ai tempi di questa SF1000 che non va per come dovrebbe. Le difficoltà di questa monoposto nata di certo col piede sbagliato, appaiono ancora più evidenti in condizioni critiche come quelle prodotte dalla pista bagnata.

Sembra inoltre che gli aggiornamenti anticipati proprio in Stiria non abbiano prodotto i dati sperati. Perlomeno in queste condizioni. “Non è stata una buona qualifica – ha detto Sebastian – non era quello che speravamo di ottenere e abbiamo visto in ogni sessione che c’erano delle grosse difficoltà. Speravo di avere un quantitativo superiore di carico aerodinamico. La nostra SF1000 non aveva l’assetto giusto per queste condizioni ed era complicato far funzionare bene le gomme, soprattutto quelle davanti tanto che si bloccavano spesso in frenata”.

Le difficoltà tra la fine della Q2 e l’inizio della Q3

La SF1000 si è rivelata molto problematica durante la fine della Q2 e nei momenti in cui ci si apprestava all’avvio della Q3. Lo ha confermato anche Sebastian che ha ammesso di aver avuto tanto acquaplaning soprattutto in rettilineo. “Quando non hai velocità ogni cosa si complica ulteriormente. L’acquaplaning è stato più marcato durante la fine della Q2 e all’inizio della Q3. La situazione non era sicuramente quella ideale. Da queste qualifiche bisogna imparare molto in vista di una possibile sessione bagnata che riscontreremo da qui in avanti. In Q3 ho anche rischiato il tutto per tutto all’ultimo giro commettendo un errore in curva 8” ha aggiunto Sebastian.

Sebastian Vettel 1

Fino a questo momento questa Ferrari appare decisamente in difficoltà e c’è davvero ben poco da sperare. Le prestazioni mancano e sul bagnato sono risultate notevolmente amplificate. In ogni caso il tedesco, forse anche perché sa che non c’è più nulla da perdere, ha ammesso di essere abbastanza positivo sulla stagione che lo aspetta: “l’annata è ancora molto lunga. Proveremo a migliorare gara dopo gara anche se il resto rimane da vedere. Non siamo felici di trovarsi in questa posizione, dobbiamo tirare molto di più da questa macchina. Ci aspettavamo molto di più ma attualmente siamo qui. Vediamo passo dopo passo cosa succede, magari con qualche ulteriore aggiornamento la macchina potrà anche andare meglio. Speriamo di crescere ma quanto fatto fino ad ora non va proprio bene” ha detto Vettel. La speranza poi è quella di migliorare grazie ad una gara che dovrebbe corrersi sull’asciutto oggi.

Al centro dei discorsi

Anche durante questo fine settimana, Sebastian è risultato al centro delle voci che orbitano attorno a lui in questa Formula 1 che sembra volersi disfare del tedesco. Dopo l’annuncio di una possibile intervista da concedere a Martin Brundle di Sky Sports, Vettel ci ha tenuto a precisare la situazione smontando anche le possibili illazioni circolate sul suo conto.

Sebastian Vettel 3

Ne ha parlato proprio ieri al termine della sessione di qualifiche ammettendo, sulla questione dell’intervista che si diceva avesse richiesto lui stesso, che: “non è proprio così. L’intervista con Sky Sports era stata già pianificata qui ma abbiamo dovuto rimandarla in Ungheria dando precedenza alla TV austriaca ORF. Era questo quindi il tema di discussione con Martin Brundle, null’altro. È stato di certo un po’ esagerato visto che un’intervista rilasciata a Sky Sports non rappresenta niente di insolito visto che non essendoci giornalisti nel paddock rilasciamo solo dichiarazioni alle televisioni”.