in

Qualifiche del Gran Premio d’Austria: Alfa Romeo Racing in caduta libera

Le qualifiche viste oggi in Austria non hanno fornito nulla di buono in casa Alfa Romeo Racing: Raikkonen e Giovinazzi partiranno dalle retrovie

Raikkonen

La stagione 2020 dell’Alfa Romeo Racing ORLEN si è aperta decisamente in modo negativo. Il team capitanato da Frederic Vasseur ha condotto un sabato di qualifica decisamente al di sotto di ogni possibile aspettativa, nonostante sicuramente i pronostici non giocavano a favore del team italo-elvetico. Ad essere sinceri già ieri le nuove C39 di Giovinazzi e Raikkonen erano apparse decisamente in difficoltà.

Ma i timori della vigilia si sono tramutati nella realtà dei fatti oggi pomeriggio. Proprio qui appena un anno fa Antonio Giovinazzi aveva conquistato i suoi primi punti da pilota di Formula 1. Oggi le cose sono andate decisamente male, purtroppo.

Qualifica azzoppata

Le due monoposto del Biscione hanno infatti concluso le qualifiche in penultima e terzultima posizione sulla griglia, fornendo uno spettacolo altamente deludente. Nell’ordine, Antonio Giovinazzi e Kimi Raikkonen sono riusciti a mettersi dietro di loro solamente la Williams di un rookie come Nicholas Latifi con la seconda delle Williams a precederli ovvero quella con a bordo George Russell.

Giovinazzi

I giudizi dei due piloti purtroppo non sono confortanti. Antonio Giovinazzi ha ammesso che “già da ieri faticavamo un po’, ma sapevamo che per entrare in Q2 sarebbe stato utile mettere in pratica un giro perfetto. Ma ero già veramente al limite e nell’ultimo giro in curva 4 ho commesso un errore. Io ci ho provato, ma ora dobbiamo capire dove perdiamo maggiormente rispetto agli altri in modo da recuperare magari qualche posizione. Credo che il paso gara che avevamo ieri fosse un pochino migliore. Domani dobbiamo fare una buona partenza e provare a stare fuori dai casini”. In ogni caso Giovi è riuscito a mettersi alle sue spalle Kimi Raikkonen grazie ad un divario di 49 millesimi.

Kimi Raikkonen ha quindi aggiunto: “dopo ieri e stamattina, ci troviamo dove ci aspettavamo di essere. Questo è il nostro posto al momento ma dobbiamo fare crescere la monoposto ed essere anche più competitivi. Di certo non siamo messi bene come lo eravamo lo scorso anno. È il primo Gran Premio della stagione ma siamo ancora lontani. Questa è la nostra realtà”. Vedremo domani cosa succederà.