in

Fiat Chrysler: i lavoratori del suo stabilimento di Detroit fermano la produzione

I lavoratori del turno diurno presso lo stabilimento di assemblaggio della fabbrica Fiat Chrysler Jefferson a Detroit hanno fermato la produzione per paura di Covid-19

FCA stabilimento Jefferson

I lavoratori del turno diurno presso lo stabilimento di assemblaggio della fabbrica Fiat Chrysler Jefferson a Detroit sono stati rimandati a casa all’inizio di giovedì pomeriggio per problemi di salute dopo che i lavoratori hanno organizzato una protesta in base alle notizie secondo cui a tre lavoratori sono stati diagnosticati casi di COVID-19 nello stabilimento. Al momento della stesura di questo articolo, i lavoratori del secondo turno, noti come “B Brew”, hanno rifiutato di riprendere la produzione, sebbene i supervisori e i funzionari sindacali abbiano tentato di convincere i lavoratori a riavviare la catena di montaggio.

L’azione arriva mentre i casi di COVID-19 sono in aumento in vaste aree degli Stati Uniti dopo la fine delle misure di blocco e la riapertura di fabbriche, ristoranti e altri luoghi di lavoro, incluso il riavvio della produzione automobilistica. Lunedì, Fiat Chrysler Automobiles (FCA) e Ford hanno ripreso le attività nelle fabbriche del Nord America.

Un lavoratore di Jefferson ha dichiarato al sito Web Autoworker: “Ci sono stati tre casi confermati e sono stati costretti a chiudere la fila 3 ore e mezza prima della fine del turno, verso le 12.00. Non è stata la direzione o il sindacato, sono stati i lavoratori a bloccare la produzione. “Le persone sono incazzate. Non hanno ancora iniziato la produzione di ‘B Crew’. Sono pronti per uscire. I funzionari sindacali non si trovano da nessuna parte. La gente dice: “Perché siamo qui quando le persone si sono ammalate?”

Alla fine di maggio sono stati segnalati casi di malattia inspiegabile nello stabilimento di Jefferson che ha causato la morte di numerosi lavoratori. Non vi è stata alcuna interruzione della produzione o addirittura misure per garantire la disinfezione dell’impianto. Questo non è il primo rapporto di azioni lavorative sulle preoccupazioni di COVID-19 da quando gli impianti automobilistici hanno riaperto il 18 maggio. Il mese scorso, i lavoratori dello stabilimento Ford Dearborn Truck hanno interrotto brevemente la produzione dopo la scoperta di casi di coronavirus. Alcuni lavoratori dello stabilimento General Motors di Wentzville, nel Missouri, hanno anche organizzato uno sciopero dopo che i lavoratori sono risultati positivi per COVID-19.

Ti potrebbe interessare: Fiat Chrysler: importanti dichiarazioni del numero uno in Spagna e Portogallo

Sembra che tu abbia bloccato le notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento