in

Fiat Chrysler: importanti dichiarazioni del numero uno in Spagna e Portogallo

Alberto de Aza, CEO di Fiat Chrysler in Spagna e Portogallo ha parlato della pandemia, delle sue conseguenze e della strategia futura del suo gruppo

Alberto de Aza, CEO di Fiat Chrysler Spagna e Portogallo
Alberto de Aza, CEO di Fiat Chrysler Spagna e Portogallo

Il 21 giugno, lo stato di allarme in Spagna è terminato e con esso, la fine di uno dei periodi più delicati che ha anche influenzato significativamente l’industria automobilistica di quel paese. In un incontro con la stampa, Alberto de Aza, CEO di Fiat Chrysler Automobiles, ha parlato della pandemia, delle sue conseguenze e, soprattutto, della strategia futura del suo gruppo nella penisola iberica.

A proposito delle difficoltà incontrate nel settore, De Aza ricorda che esso “rappresenta il 10% del PIL e il 9% della popolazione attiva, crea 300.000 posti di lavoro diretti e 2 milioni di posti di lavoro legato al settore, e questo è qualcosa che i rappresentanti di qualsiasi casa automobilistica devono valorizzare quando richiedono la collaborazione dei nostri governi per aiutare il nostro settore a continuare a svilupparsi, come quelli che hanno già iniziato a essere visti ”.

La situazione ha richiesto anche soluzioni diverse e tecnicamente avanzate, come vendite e servizi virtuali, basate sulla digitalizzazione . Il risultato è stato così positivo che in Portogallo, ad esempio, ” è stata osservata una crescita molto significativa del numero di potenziali clienti generati da questi canali, che ha permesso di ridurre al minimo la perdita di traffico presso i concessionari”, afferma il CEo di Fiat Chrysler in Spagna e Portogallo Alberto de Aza , che aggiunge che ” i canali digitali continueranno senza dubbio ad essere implementati,Ma senza dimenticare quei clienti che hanno anche bisogno di quell’esperienza di acquisto offerta dal punto fisico che rappresenta il rivenditore … entrambi gli elementi si completano a vicenda “.

In futuro, uno dei grandi lanci previsti per quest’anno è la Fiat 500 elettrica, un modello del quale “avremo più notizie a luglio, con eventi e altre sorprese. Inizieremo a vedere le prime unità dopo l’estate ” , commenta il capo di Fiat Chrysler in Spagna e Portogallo. Infine, in relazione alla fusione tra FCA e PSA, che sta generando molte notizie e aspettative, Alberto de Aza chiarisce che “ continua come previsto, nonostante i commenti che possono essere apparsi in alcuni media e che fanno parte del processo logico e complesso dell’unione di due grandi aziende come PSA e FCA. Una volta completata alla fine del 2020 o all’inizio del 2021, l’entità combinata sarà la quarta casa automobilistica più grande del mondo, con un fatturato annuo di 8,7 milioni di veicoli e il terzo più grande delle entrate. Nel frattempo, il piano di prodotti e il piano di investimenti di FCA proseguiranno a pieno ritmo. ”

Ti potrebbe interessare: Fiat presenta la campagna Time che offre uno sconto minimo del 33% in Spagna

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento