in

Fiat 500X: confermato l’arrivo della versione ibrida

Il crossover utilizzerà un nuovo motore mild hybrid che sarà prodotto a Termoli

Non è un mistero che nel futuro di Fiat ci sia l’elettrificazione e la recente presentazione di un progetto come la 500 elettrica rappresenta un chiaro segnale dell’evoluzione futura della gamma del brand italiano. Tra i principali modelli della gamma Fiat c’è anche la Fiat 500X, progetto che in questi mesi è stato messo in secondo piano.

Fiat ha rilasciato la Panda e la 500 in versione Hybrid (con sistema mild hybrid) e si prepara a far debuttare la nuova 500 elettrica (il 4 luglio ci sarà la presentazione di tutta la gamma). Nel frattempo, il crossover compatto di Fiat deve fare i conti con il debutto della versione plug-in hybrid della “cugina” Jeep Renegade e con il fatto che FCA ha scelto di non realizzerà una variante plug-in a marchio Fiat.

L’elettrificazione della Fiat 500X ci sarà ed è stata confermata in via ufficiale nel corso della giornata di ieri, in parallelo alla conferma del “Piano Italia” da oltre 5 miliardi di Euro di investimenti che FCA metterà in atto, sfruttando anche il prestito da 6.3 miliardi di Euro ottenuto con garanzie statali da Intesa Sanpaolo.

L’elettrificazione del crossover compatto di Fiat ruota al nuovo progetto attualmente in sviluppo nello stabilimento di Termoli. Il progetto in questione sarà una nuova motorizzazione GSE, pronta ad ospitare un sistema di elettrificazione di tipo mild hybrid a 48 V. Questa nuova soluzione diventerà il nuovo punto di riferimento della gamma della 500X.

Il crossover compatto del marchio italiano, oramai entrato nella seconda parte della sua carriera, potrà quindi contare su di una variante mild hybrid per sfidare l’agguerrita concorrenza. L’effettivo debutto della nuova 500X Hybrid (questo dovrebbe essere il nome commerciale del crossover elettrificato) non ha ancora una data precisa.

Come abbiamo anticipato nei giorni scorsi, l’arrivo sul mercato della versione mild hybrid della Fiat 500X potrebbe slittare al 2021. Nei mesi scorsi si era parlato di un lancio per la seconda metà del 2020 ma, ad oggi, l’ipotesi più probabile è proprio quella di un debutto commerciale fissato per il prossimo anno, quando il mercato europeo potrebbe essere tornato su livelli sensibilmente superiori di quelli previsti per i prossimi mesi a causa dell’emergenza sanitaria.

Resta da capire se il nuovo motore che sarà prodotto a Termoli sarà l’unica soluzione della gamma elettrificata della Fiat 500X o se arriveranno sul mercato versioni mild hybrid anche degli attuali FireFly che già fanno parte della gamma della 500X. Ricordiamo che i lavori di aggiornamento dello stabilimento di Temoli termineranno all’inizio del prossimo anno secondo quanto riferimento nei mesi scorsi.

Varianti “Hybrid” anche per le Jeep Renegade e Compass

FCA ha confermato, come prevedibile, che il nuovo motore mild hybrid in produzione a Termoli troverà ampio spazio all’interno della gamma del gruppo. In particolare, questa nuova soluzione è destinata a diventare il nuovo riferimento dello stabilimetno di Melfi entrando a far parte della gamma delle Jeep Renegade e Compass.

I due modelli del brand americano, entrambi prodotti a Melfi, possono già contare su di una variante plug-in hybrid, in arrivo sul mercato in queste settimane. Grazie alla versione mild hybrid in arrivo, la gamma di Renegade e Compass sarà quindi completamente elettrificata (in listino resteranno comunque delle motorizzazioni diesel che, come sulla 500X, saranno aggiornate per rispettare le normative).

Il nuovo motore midl hybrid dovrebbe essere parte integrante anche della gamma Fiat Tipo (modello prodotto in Turchia) che riceverà nelle prossime settimane il restyling di metà carriera. Difficile, invece, il debutto all’interno della gamma della 500L. La monovolume del marchio Fiat è a fine carriera e la sua produzione potrebbe terminare definitivamente nel corso del 2021.

Mild hybrid anche per l’Alfa Romeo Tonale

Le nuove motorizzazioni mild hybrid in arrivo nello stabilimento di Termoli, secondo alcune indiscrezioni dei mesi scorsi, dovrebbero rappresentare anche l’ossatura della gamma dell’Alfa Romeo Tonale (modello che utilizzerà la stessa piattaforma della Jeep Compass ma venendo prodotto a Pomigliano d’Arco).

Al momento, FCA non ha confermato la notizia. In ogni caso, sembra quasi scontato che il nuovo C-SUV Alfa Romeo possa utilizzare motorizzazioni già pronte (e di nuova generazione) come i nuovi FireFly elettrificati che fanno parte integrante degli investimenti del “Piano Italia” annunciati ieri dal gruppo FCA.

Maggiori dettagli sull’elettrificazione della gamma FCA arriveranno, senza dubbio, nel corso delle prossime settimane. Continuate a seguirci per saperne di più.