in

Ross Brawn: “senza il budget cap la Formula 1 avrebbe perso diversi costruttori”

Per Ross Brawn la Formula 1 avrebbe perso alcuni costruttori a causa della pandemia da COVID-19 se il budget cap non fosse stato implementato a partire dal 2021

Ross Brawn

In vista del previsto impatto economico della pandemia da Coronavirus, e delle entrate ridotte per la Formula 1 le parti della serie hanno discusso di come rendere le corse più sostenibili in futuro soprattutto in questi ultimi mesi. Il risultato è stato quello di trovare un accordo per ridurre il budget previsto dagli attuali 175 milioni di dollari a stagione a 145 milioni di dollari che entrerà in vigore a partire dal 2021.

Parlando ancora una volta all’interno della serie di interviste #thinkingforward sulla leadership delle corse automobilistiche in questi tempi senza precedenti, l’amministratore delegato della Formula 1 Ross Brawn ha affermato che il cambiamento è risultato fondamentale per mantenere la presenza dei costruttori nel Circus. “La crisi attuale ci ha dato l’opportunità di fornire un ulteriore limite di budget alla Formula 1” ha detto Brawn durante la conferenza eSport introdotta dalla FIA “una volta introdotto il limite al budget, puoi ovviamente sempre modificarlo. Prima però dicevamo che se avessimo mai avuto una crisi in futuro, saremmo stati capaci di poter adeguare il limite di budget per tenere conto di diversi aspetti e tutti abbiamo accettato che il livello ideale fornisca un cambiamento. Penso che senza questa possibilità, con i team che hanno visto che la Formula 1 costerà sempre meno in futuro, molti di loro non avrebbero mantenuto la loro presenza nel Circus. Quando un produttore deve fornire un piano di adeguamenti economici, se la Formula 1 fornisce una spesa limitata allora la situazione si fa meno difficile. Abbiamo coinvolto tutti i principali attori è ciò è perché siamo stati in grado di dire che la Formula 1 è sostenibile dal punto di vista economico”.

Ci sono dei benefici

Con l’introduzione del budget cap ridotto, chi si trovava in difficoltà e sul punto di mollare come ad esempio Renault, ha confermato che proseguirà in Formula 1 anche oltre il 2020 nonostante le sempre più stringenti misure economiche che tutti stanno affrontando in questo momento così particolare.

Oltre a introdurre il limite di budget il prossimo anno, le monoposto di Formula 1 utilizzate quest’anno saranno utilizzate nuovamente durante la stagione 2021. Questo sarà seguito dall’introduzione delle vetture che seguiranno il nuovo regolamento soltanto nel 2022, con la loro introduzione l’idea è quella di ottenere una Formula 1 più competitiva e più eccitante per i fan. “Le nuove monoposto sono maggiormente focalizzate su ciò che riteniamo siano le aree che faranno divertire i nostri fan, invece di spendere molti soldi in cose di cui i fan non sanno nulla”, ha detto Brawn “penso che saranno monoposto dall’aspetto accattivante. Sicuramente saranno in grado di gareggiare in modo più efficace. Ci sono molte cose che stavamo facendo e non abbandoniamo la nostra iniziativa di sostenibilità che abbiamo iniziato negli ultimi anni che è un fattore molto importante anche per le aziende coinvolte. Tutti vogliono vedere una buona strategia di sostenibilità in Formula 1 ma noi vogliamo fare tutto ciò senza rovinare l’attrazione principale o l’eccitazione per la Formula 1”.

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento