in

Vasseur accusa alcune squadre di essere di idee “ristrette”

Il capo Alfa Romeo, Frederic Vasseur, ha criticato le idee “ristrette” da parte di alcuni membri di altri team di Formula 1 durante la pausa

Fred Vasseur

Il capo Alfa Romeo, Frederic Vasseur, ha criticato le idee “ristrette” da parte di alcuni membri di altri team di Formula 1 durante la pausa prolungata. C’è stato un divario di sette mesi tra il finale di stagione 2019 ad Abu Dhabi e l’eventuale apertura della stagione 2020 in Austria e, durante quel periodo, i capi squadra, la Formula 1 e la FIA si sono incontrati regolarmente tramite teleconferenze per discutere della via da seguire.

Tutti i team, con i loro diversi livelli di risorse e budget, sono stati tutti costretti ad assorbire i danni causati dalla mancanza di gare e sono state introdotte una serie di misure di riduzione dei costi per aiutare il processo di recupero. L’introduzione di un limite di bilancio di 145 milioni di dollari a partire dal 2021 è una delle misure principali, mentre le modifiche alla regolamentazione tecnica proposte sono state rinviate al 2022 con le auto attuali destinate a rimanere sostanzialmente le stesse tra oggi e allora.

“Grazie a Skype sono stato in contatto più volte al giorno con la Formula 1, la FIA e gli altri capi squadra”, ha detto Vasseur a Blick. “In un momento in cui la Formula 1 è incentrata sulla sopravvivenza, puoi conoscere i tuoi avversari piuttosto dannatamente bene. Sono rimasto sorpreso da quanto siano ristretti di idee alcuni signori e sfortunatamente non vedono il quadro generale.

“Molti devono finalmente capire che il mondo potrebbe vivere senza la Formula 1!. Dobbiamo tenere i piedi per terra. Le superstar quest’anno non sono i piloti ma i dottori e le infermiere. ” I commenti di Vasseur si collegano alle recenti osservazioni fatte dal capo della Mercedes Toto Wolff, che ha affermato di non aver mai saputo che la Formula 1 fosse così politica come negli ultimi sei mesi.

Il capo di Alfa Romeo ha anche dichiarato che il team ha i fondi in atto per non licenziare il personale al fine di ridurre i costi. “Sopravviveremo alla crisi grazie alle autorità e ai proprietari”, ha aggiunto. “È grazie ai proprietari che possiamo mantenere tutti e 500 i dipendenti. Questo supporto è unico e molto rassicurante. Ci dà speranza per il futuro perché abbiamo ancora molta strada da fare. ”

Ti potrebbe interessare: Vasseur su Raikkonen: Ecco cosa porta Kimi ad Alfa Romeo

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento