in

Brasile: la flotta di veicoli è destinata ad invecchiare a causa del coronavirus

Nel grande paese sudamericano ci sono 4,6 abitanti per veicolo

Brasile flotta veicoli

Con 45,9 milioni di auto, veicoli commerciali leggeri, camion e autobus, il Brasile ha la sesta flotta più grande al mondo. Tuttavia, questa ha un’età media che dovrebbe superare un decennio a causa del coronavirus, che dovrebbe far scendere il mercato del 40% quest’anno.

Un sondaggio condotto sul mercato del grande paese sudamericano ha dimostrato che negli ultimi sei anni la flotta brasiliana ha continuato ad invecchiare. Oggi l’età media dei veicoli presenti in Brasile è di 9 anni e 10 mesi. Tuttavia, questo cambierà con il significativo calo delle vendite atteso nel 2020.

Brasile flotta veicoli
Brasile, il calo delle vendite causato dal coronavirus farà invecchiare il parco veicoli

Brasile: l’età media attuale dei veicoli è di 9 anni e 10 mesi

Quando le vendite diminuiscono, la flotta automaticamente invecchia. Dei 37,9 milioni di auto presenti in Brasile, ad esempio, il 18% ha almeno tre anni di utilizzo. Tuttavia, nel 2014 questa percentuale era del 25%. Nei camion, la situazione è parecchio peggiore con il 13% della flotta che ha più di 20 anni e il 45% tra 11 e 20 anni.

Dal 2012 ad oggi, le vendite hanno iniziato a diminuire e la flotta ha accelerato il deprezzamento. Nell’anno in cui furono venduti 3,8 milioni di veicoli, l’età media era di 8 anni e 6 mesi. Se tale crescita fosse stata mantenuta, oggi la flotta sarebbe molto più giovane.

Per quanto riguarda i motocicli, l’età media dei 13 milioni di esemplari che viaggiano in tutto il Brasile è di 8 anni. Oggi, il grande paese sudamericano può contare su 4,6 abitanti per veicolo rispetto ai 6,5 del 2014. Gli Stati Uniti, ad esempio, hanno 264 milioni di veicoli e 1,2 abitanti per auto. Il Giappone ha 1,6, la Russia 2,8 e la Germania 2,7.

Nonostante la ridotta motorizzazione, negli ultimi cinque anni in Brasile si è verificato un cambiamento. Nel 2015, la flotta era ben concentrata negli stati di SP, RJ, MG, PR e RS con il 72,8% del totale. Oggi, invece, questa percentuale è del 64,3%. Solo San Paolo detiene il 30%, anche se la maggior concentrazione di vendite si è concentrata nelle regioni agricole come Mato Grosso e Tocantins.

L’arrivo di servizi come Uber, 99, Cabify e BlaBlaCar in Brasile hanno permesso a molte persone di non acquistare la propria auto in modo da risparmiare sui costi. A livello politico, al momento non si parla ancora di incentivi per il rinnovo della flotta, almeno non per le auto ma per quel che riguarda il settore dei trasporti.

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento