in

La e-Mobility di FCA unisce le forze con RSE per un programma di test a lungo termine

Oggi, al Mirafiori Motor Village di Torino, l’e-Mobility di FCA ha consegnato due modelli Jeep Renegade 4xe a RSE (Ricerca sul Sistema Energetico)

e-Mobility FCA
e-Mobility FCA

Oggi, al Mirafiori Motor Village di Torino, l’e-Mobility di FCA ha consegnato due modelli Jeep Renegade 4xe a RSE (Ricerca sui Sistemi Energetici), in virtù di un accordo di partenariato in base al quale le auto ibride plug-in saranno guidate per sei mesi per preparare report dettagliati su come funzionano, con l’obiettivo di anticipare il normale utilizzo delle flotte da parte dei clienti nel tempo. RSE svolge attività di ricerca nel settore elettrico, concentrandosi su prodotti strategici nazionali e internazionali. La società lavora in collaborazione con il governo locale e centrale per supportare la produzione in senso lato, in collaborazione con le piccole e medie imprese e le associazioni dei consumatori.

Con 350 dipendenti e oltre 250 ricercatori, RSE fornisce servizi di ricerca e sviluppo per l’intera catena di fornitura di energia elettrica. Lavorando principalmente su base applicativa e sperimentale, assicurano coerenza nel proseguimento della ricerca in corso e nello sviluppo di nuove frontiere per l’intero sistema energetico italiano. I modelli Jeep Renegade 4xe consegnati oggi saranno utilizzati da RSE come veicoli aziendali raggruppati e per uso personale, per sostituire gli attuali modelli della flotta aziendale. I test valuteranno anche i vantaggi di queste nuove auto in termini di consumi e costi. L’obiettivo a medio termine di RSE è quello di elettrificare la sua flotta per l’utilizzo in un caso di studio sperimentale. D’altra parte, FCA è interessata a consentire ai potenziali clienti di testare le proprie auto in scenari reali; l’accordo rappresenta quindi un’opportunità significativa di cooperazione.

Una vasta gamma di parametri sarà controllata durante le prove, per valutare le specifiche tecniche e le prestazioni delle due auto. Il consumo di carburante verrà analizzato in diversi modi su percorsi “medi e lunghi” replicabili (partenze con livelli di carica della batteria variabili, utilizzando solo la modalità ibrida o motore a combustione, ecc.) E percorsi “brevi”, per valutare fattori quali l’autonomia elettrica modalità, variazioni in base al percorso, condizioni meteorologiche e carico del veicolo e per studiare la possibilità di utilizzare le auto con un serbatoio vuoto. Un altro aspetto per un’analisi approfondita sarà il modo in cui i clienti utilizzeranno il sistema di ricarica.

Ti potrebbe interessare: Filiera E-mobility: 98 miliardi di euro entro il 2030 in Italia

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento