in

Formula 1: 600 dipendenti, il nuovo limite per i team?

In seguito ai nuovi limiti di Budget è possibile che i team dovranno ridurre il numero di dipendenti

GP Cina

La Formula 1 sta iniziando una nuova era, in cui il motto sarà il risparmio. Le squadre devono riformare i loro ranghi e dire addio a una parte del loro personale. L’obiettivo è quello di essere più efficienti. La crisi covid-19 ha costretto Liberty Media e la FIA a rafforzare questo limite tanto atteso, che molti piccoli team chiedono da anni. In tal modo, mirano a far combaciare i punti di forza di marchi più grandi, come Mercedes o Ferrari, con i team clienti, come Haas e Racing Point, o riportare i proprietari di garage, come Williams, ai loro giorni di gloria.

Un limite di bilancio, dal quale a priori saranno esentati gli stipendi dei dirigenti nelle posizioni più elevate e dei piloti, ma ciò influenzerà lo sviluppo dell’auto. Saranno 130 milioni di euro nel 2021. Insieme a questa misura, ci sarà una drastica riduzione del tempo nella galleria del vento per le squadre che finiranno più in alto nella classifica. Con un budget inferiore, è chiaro che la forza lavoro dovrebbe essere ridotta e il capo di Haas, Guenther Steiner, pensa che il limite ideale sarebbe di circa 600 dipendenti .

“Secondo i nostri calcoli, oltre 600 dipendenti non sono efficienti. Più persone significano più idee, ma a un certo punto non hai più soldi per quelle idee”, ha detto Steiner nelle osservazioni per il sito web tedesco Auto Motor und Sport, qualcosa su cui Otmar Szafnauer, Team Leader di Racing Point concorda: “L’efficienza ripagherà in futuro. Ora tutti affrontano la questione di dove investire al meglio i propri soldi. È una disciplina aggiuntiva”, ha aggiunto.

Racing Point è stato uno dei team più apprezzati negli ultimi anni per la sua efficienza e il massimo beneficio da un budget limitato. Per questi team, adattarsi a un presunto limite di dipendenti sarebbe più semplice. Racing Point impiega 500 persone, mentre Mercedes e Ferrari raggiungono 1.000 dipendenti . I team di grandi dimensioni affronteranno un enorme ridimensionamento se vogliono sfruttare il piccolo budget disponibile.

Ma se esiste una sola squadra che può trarre pieno vantaggio da questa situazione, è la McLaren. Il team di Woking sono quelli che si avvicinano di più a questo presunto limite. Questo è ciò che pensa Helmut Marko, consulente di Red Bull.

“La McLaren si sta avvicinando. Sono ben posizionati in termini di personale e tecnologia e avranno un motore competitivo. Passeranno dalla Renault alla Mercedes e saranno in grado di intervenire in aree di sviluppo congelate. Tuttavia, da un anno all’altro, non funzionerà “, ha avvertito Marko. Per quanto riguarda la galleria del vento, e la sua riduzione rispetto alla posizione in Coppa del Mondo, dalla Ferrari ritengono che avrebbe dovuto essere fatto diversamente.

“Dovrebbe dipendere dal budget della squadra anziché dalla posizione in Coppa del Mondo. Quelli con meno soldi dovrebbero provare più tempo. Ciò farà sì che alcune squadre preferiscano essere none piuttosto che ottave, per esempio”, commentano dalla Scuderia. Tuttavia, Steiner lo considera un successo totale. “Le restrizioni nella galleria del vento daranno l’opportunità di uniformare la griglia in futuro”, ha aggiunto il capo di Haas. Questa nuova era della Formula 1, accelerata dalla pandemia di Covid-19, promette forti emozioni sia dentro che fuori pista, e questo possibile limite per i dipendenti è un aspetto che la FIA deve studiare per garantire la redditività dei team e lavorare sui circuiti.

Ti potrebbe interessare: Formula 1: i virologi consigliano l’isolamento cinque giorni prima di ogni GP

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento