in

Montezemolo: “Lauda voleva che diventassi boss della F1”

Montezemolo ricorda l’amico scomparso un anno fa e afferma che Lauda lo vedeva bene come numero uno della F1

Montezemolo e Lauda
Montezemolo e Lauda

Luca di Montezemolo, ex presidente della Ferrari, iniziò in Formula 1 con Niki Lauda. Era il suo capo durante gli anni di successo dell’austriaco nella Scuderia. L’italiano lo ricorda con affetto e sottolinea il grande rispetto e la stima che esisteva tra di loro. Lauda aveva un’ammirazione speciale per l’abilità di Montezemolo come manager, tanto che lo vide come il capo ideale per la F1.
Niki Lauda arrivò alla Ferrari nel 1974, per guidare con Clay Regazzoni come partner. A capo della Scuderia c’era quindi un giovane Luca di Montezemolo, che non era ancora presidente della compagnia italiana. Nell’anno di debutto di Lauda con la Ferrari, Luca ha anche debuttato come team manager, dopo un anno di lavoro come braccio destro di Enzo Ferrari.

Con Montezemolo come capo, Niki ottenne due dei suoi tre titoli, nel 1975 e nel 1977. Poi iniziarono una grande amicizia che continuò quando l’austriaco lasciò la Scuderia dopo il 1977. Oggi, un anno dopo la morte di Lauda, Montezemolo ricorda che Niki sempre gli diceva che doveva essere il capo della Formula 1.

“Lauda era un amico fedele. Non abbiamo smesso di vederci nemmeno quando siamo diventati rivali. Voleva che guidassi la Formula 1, per diventare una specie di CEO, con Ecclestone come presidente onorario, e la verità è che ero a un passo dal comando in F1 “, ha detto Montezemolo al quotidiano italiano La Gazzetta dello Sport. Montezemolo ricorda come Niki arrivò alla squadra e la sua reazione quando volevano sostituirlo dopo il suo terribile incidente al Nürburgring nel 1976, anche se era pronto a correre di nuovo solo sei settimane dopo quello che era successo.

Enzo Ferrari stava per far firmare Jean-Pierre Jarier, ma Regazzoni e io lo abbiamo convinto a scegliere Lauda. Dopo l’incidente al Nürburgring, ovviamente” Il Commendatore “ha pensato a come sostituire Lauda perché non si sapeva nemmeno se avrebbe avuto intenzione di correre di nuovo. Niki non l’ha presa bene e si è sentito un po’ solo ” , ricorda Montezemolo.

Ti potrebbe interessare: Piero Ferrari: Leclerc ricorda Lauda