in

Mario Andretti invita la Ferrari ad avvicinarsi all’IndyCar

Mario Andretti ha detto ad Andrea Cremonesi di la Gazzetta dello Sport che “sarebbe bello se la Ferrari arrivasse in Indycar

GP Australia 2020 - 3

Mario Andretti ha detto ad Andrea Cremonesi di La Gazzetta dello Sport che “sarebbe bello se la Ferrari arrivasse in Indycar” e ha invitato il Cavallino rampante a parlare urgentemente con Roger Penske, l’attuale proprietario di Indycar, per discutere di questa possibilità. La Ferrari potrebbe studiare alternative per mantenere “vivo” tutto il personale della GES, la Gestione Sportiva, una volta entrato in vigore il “massimale di bilancio”, il che implicherebbe di dover licenziare persone molto valide con il pericolo che vadano in squadre rivali.

Mattia Binotto affronta una drastica riduzione del budget dagli attuali 450 milioni a circa 300, vale a dire i 145 del “massimale del budget” più il costo degli articoli che non ne fanno parte: lo stipendio dei piloti, i tre stipendi più alti personale, marketing, viaggi e con la prospettiva di dover affrontare ulteriori riduzioni fino a 130 milioni. Tra le 1.200 e le 1.400 persone lavorano nel GES – sebbene alcune nei programmi di sviluppo GT, non sarebbero interessate – e Binotto stima che con il limite di budget, dovrebbe fare a meno di 100 persone nella prima fase.

All’epoca Binotto disse che la Ferrari avrebbe cercato alternative se la F1 avesse messo a repentaglio il suo DNA. Alcune parole che sono state viste come una minaccia per lasciare la F1 , cosa che il Cavallino ha già fatto più di una volta, e che in seguito ha chiarito in una dichiarazione, dicendo che le alternative sarebbero entrare in un’altra categoria e mantenere il GES pienamente operativo. In altre parole, il “surplus” del bilancio sarebbe dedicato alla presenza in un’altra categoria. Un po ‘come sta facendo la McLaren con l’Indycar.

È chiaro che l’ideale per il Cavallino è ridotto a WEC e Indycar , sebbene la Formula E, se decisa dall’elettrificazione totale di qualche hypercar o della Dakar, in coincidenza con il lancio del Purosangue, potrebbe essere un “piano B”. Andretti ha affermato che “al momento l’ostacolo è il regolamento” e ha esortato la Ferrari a “contattare Roger Penske affinché le regole cambino nel senso che rendono possibile la loro partecipazione”. Penske è un uomo d’affari intelligente, con i suoi team in IndyCar, IMSA e Nascar, ma anche in passato è stato cliente della Ferrari.

Le 500 miglia sono un ricordo lontano per la Ferrari. Il team ha preso parte con la propria auto solo nel 1952 con Alberto Ascari ed è stato un fiasco, la Ferrari 375 non era competitiva. Nel 1985-86, a causa di un conflitto con la FIA, minacciò di andare in Formula CART e costruì un’auto e un motore, ma la FIA accettò le richieste della Ferrari e Giovanni Agnelli respinse personalmente l’avventura americana. Quel motore fu la base del motore Alfa Romeo che in seguito corse in Formula Indy.

Ricordiamo che attualmente esiste un solo telaio approvato per la categoria, prodotto in Italia da Dallara, che l’aerodinamica è unica anche per tutti, che le modifiche consentite agli “automobilisti” per i loro clienti sono finite e puoi scegliere solo tra i motori Honda e Chevrolet, sebbene Indycar stia cercando un terzo produttore.

Naturalmente, Mario crede che Andretti Autosport, la squadra di suo figlio, sarebbe molto interessata. Mario ha corso con la Ferrari e, da buon italiano o italo americano, ha il Cavallino nel cuore. Naturalmente, anche il fatto che WEC e IMSA abbiano regole unificate rende interessante questa seconda opportunità. E per il team Andretti, che è presente in altri campi, così come IndyCar, non sarebbe un argomento folle rappresentare i rossi o essere i loro clienti all’IMSA, lasciando WEC per il team ufficiale del marchio.

Ti potrebbe interessare: Alfa Romeo Giulia e Stelvio Quadrifoglio MY 2020, nuove Ferrari, ripresa produzione FCA: le migliori news della settimana

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento