in

La F1 parla già di “circuiti di riserva” per garantire gare nel 2020

Chase Carey, presidente della Formula 1, ha ammesso che Liberty Media è già in contatto con circuiti che non sono elencati nel calendario della stagione 2020 per nuovi GP

GP Cina

Chase Carey, presidente della Formula 1, ha ammesso che Liberty Media è già in contatto con circuiti che non sono elencati nel calendario della stagione 2020 per organizzare eventuali nuovi GP nel caso in cui i layout originali di quest’anno non siano in grado di poter essere organizzati. L’americano è fiducioso che saranno raggiunti almeno i 15 appuntamenti previsti. Come ha recentemente annunciato lo stesso Carey, la stagione 2020 inizierà, se non ci saranno complicazioni dell’ultimo minuto, in Austria all’inizio di luglio. Da lì, una serie di gare si svolgerà nel continente europeo, in Asia e in America fino a raggiungere il Bahrain e Abu Dhabi.

A causa della pandemia di coronavirus, alcuni paesi non saranno in grado di celebrare il loro Gran Premio in questa stagione. Questo è il caso di Francia e Monaco, eventi già annullati. Nel frattempo, il resto degli appuntamenti che avrebbero dovuto essere svolti a partire da oggi rimangono in sospeso nel caso in cui la situazione globale migliori e possa essere infine confermata. Se più paesi saranno costretti a cancellare la loro corsa, la Formula 1 farà ricorso a quelli che sono noti come “circuiti di riserva”. Sono tracciati che non compaiono nel calendario originale, ma che hanno l’approvazione FIA ​​Grado 1 e sono pronte ad organizzare un Gran Premio grazie a una migliore condizione sanitaria rispetto ad altre regioni.

Nelle ultime settimane i nomi di Hockenheim, Imola e Mugello hanno risuonato fortemente. Le due piste italiane si aggiungerebbero a quella di Monza. Un altro possibile circuito è Portimao, che ha recentemente ricevuto l’approvazione della FIA e secondo loro stessi, il circuito e il suo staff sono pronti a ospitare una gara di Formula 1. Chase Carey ha ammesso questa possibilità: “Stiamo negoziando con tutti i nostri promotori e con alcuni circuiti che non fanno parte del nostro calendario 2020 per assicurarci di esplorare davvero tutte le possibili opzioni”, ha affermato in una conferenza stampa.

“Abbiamo due sfide principali: identificare dove possiamo correre e stabilire come possiamo trasportare tutte le parti necessarie e il loro bagaglio per quella gara”, ha aggiunto. Nonostante ciò, Carey riconosce che esiste “una remota possibilità” che non ci saranno gare in questo 2020. Tuttavia, è fiducioso che il numero approssimativo di 15-18 gare sarà raggiunto.

L’americano ha già avanzato l’idea che il 2020 inizi con due gare consecutive sul Red Bull Ring. Dopo questi appuntamenti, dovrebbe essere il turno di Silverstone. “Il nostro obiettivo è che la stagione inizi il fine settimana del 4 e 5 luglio in Austria. È molto probabile che si svolgerà anche il fine settimana dell’11 e 12 luglio anche in Austria .”

Carey ha anche riconosciuto di essere in contatto con i circuiti in Europa per aggiungere gare nei mesi di agosto e settembre. Uno di questi, forse, il Circuit de Barcelona-Catalunya. Joan Fontserè, direttore del circuito, ha spiegato a questo giornale di aver già considerato questo possibile scenario con la categoria regina. “Siamo in fase avanzata di incorporazione e organizzazione di diverse gare aggiuntive in Europa all’inizio di settembre, nonché gare durante la tradizionale pausa estiva di agosto”.

“Abbiamo lavorato instancabilmente dall’Australia e siamo pienamente impegnati con i nostri promotori a ottenere un programma per la stagione 2020″, ha aggiunto. Il presidente della Formula 1 è fiducioso di raggiungere il minimo di 15 gare che il Grand Circus ha programmato per questa stagione 2020 sferzata dal Covid-19. Per questo, molte di loro, specialmente all’inizio della stagione, saranno a porte chiuse. “Pensiamo che la prima parte del calendario sarà  composto da gare senza pubblico, ma crediamo che potrebbero esserci fan nell’ultima parte dell’anno. Stiamo lavorando con la FIA e con le autorità sanitarie locali per garantire che seguiamo tutte le procedure in sicurezza”, ha detto Carey per finire.

Ti potrebbe interessare: Hamilton alla Ferrari e Mercedes addio alla Formula 1 secondo Jordan

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento