in

FCA, Ford e General Motors rinviano il riavvio della produzione in USA

General Motors, Ford e FCA hanno come obiettivo il 18 maggio per riprendere la produzione nelle loro fabbriche statunitensi

FCA Ford General Motors
FCA Ford General Motors

General Motors, Ford e FCA hanno come obiettivo il 18 maggio per riprendere la produzione nelle loro fabbriche statunitensi dopo aver chiuso gli impianti a marzo a causa della epidemia di coronavirus. Lo riporta il Wall Street Journal. I dirigenti delle aziende nei giorni scorsi hanno deciso provvisoriamente di seguire la linea temporale a seguito di colloqui con i leader della United Auto Workers (UAW) e l’ufficio del governatore del Michigan Gretchen Whitmer, ha riferito oggi il Journal citando persone che conoscono i piani.

Ford ha dichiarato che deve ancora determinare quando riprenderà la produzione nei suoi stabilimenti nordamericani, mentre FCA ha dichiarato che comunicherà le nuove date di riavvio a tempo debito.

Il capo del sindacato UAW la scorsa settimana ha avvertito che è “troppo presto e troppo rischioso” riaprire le officine automobilistiche e l’economia del Michigan all’inizio di maggio, citando i rischi per i lavoratori. Il governatore del Michigan Whitmer deve ancora fornire dettagli sul riavvio del settore manifatturiero cruciale dello stato e ha affermato che sarebbe “guidata dai dati, non dalle tempistiche artificiali”.

Le aziende stanno collaborando con il sindacato all’elaborazione di protocolli di sicurezza per ridurre il rischio di esposizione per i lavoratori, ma non hanno ancora definito tali termini, secondo il rapporto WSJ. GM e UAW non hanno immediatamente risposto alle richieste di commenti di Reuters. Il Michigan aveva riportato 38.210 casi COVID-19, inclusi 3.407 morti.

Ti potrebbe interessare: FCA: il commento della dirigenza sulla ripresa produttiva in Italia

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento