in

Leclerc: “Bianchi meritava un posto alla Ferrari più di me”

Charles Leclerc concorda con Daniel Ricciardo che Jules Bianchi è stato uno dei piloti più sottovalutati

Charles Leclerc e Jules Bianchi
Charles Leclerc e Jules Bianchi

Charles Leclerc concorda con Daniel Ricciardo che Jules Bianchi è stato uno dei piloti più sottovalutati, poiché ritiene di avere molto da dimostrare e si assicura che meritasse il posto in Ferrari più di quanto non abbia fatto lui. Jules Bianchi ha attirato per la prima volta l’attenzione della Ferrari nel 2009. Dopo averli sorpresi in una prova di giovani piloti quell’anno, la Scuderia lo ha fatto firmare e integrato nella loro Pilot Academy. Nel 2011 ha fatto un ulteriore passo ed è diventato un pilota collaudatore e di riserva per il team.

Charles Leclerc concorda con Daniel Ricciardo che Jules Bianchi è stato uno dei piloti più sottovalutati

Nel 2013, dopo diversi test e la partecipazione alle prove libere, ha iniziato la sua carriera come pilota in Marussia. Tuttavia, nel 2014 il destino ha voluto portarlo via in un tragico incidente che gli ha fatto perdere la vita. Giorni prima di quell’evento, ha assicurato che era pronto a saltare alla Ferrari se il team avesse avuto bisogno di lui come sostituto di Fernando Alonso.

Due anni dopo, la Ferrari notò un giovane talentuoso di Monaco, Charles Leclerc, che entrò nella sua Accademia. Raggiunse il posto che avrebbe dovuto essere di Bianchi dopo aver vinto GP3, Formula 2 e un anno alla Sauber. In questo senso, Leclerc concorda sul fatto che Jules sia nella lista di Daniel Ricciardo tra i rivali più sottovalutati, ricordando che aveva molto da offrire e si rammarica che non sia ancora vivo per dimostrare il suo talento.

“Certo, perché ha mostrato in breve tempo il talento che aveva, e avrebbe potuto mostrarlo di più, quindi probabilmente meritava il posto della Ferrari più di me prima di arrivare qui”, dice Leclerc in videoconferenza da casa sua a Monaco. Leclerc è consapevole del fatto che alla Ferrari sta vivendo un’opportunità unica e sebbene stia già brillando, preferisce tenere i piedi per terra. Accetta l’adulazione, come quando dicono che sarà il prossimo Gilles Villeneuve, ma ricorda che è ancora un pilota in fase di sviluppo. “Ascoltare queste cose è un grande onore, onestamente, anche se non mi sento a quel punto perché lui era un grande pilota mentre io devo ancora crescere e lavorare sodo per raggiungere quel livello”, ammette Leclerc alla fine.

Ti potrebbe interessare: Ricciardo: “Leclerc sta facendo quello che avrebbe fatto Jules Bianchi”

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento