in

Ferrari minaccia nuovamente l’addio alla Formula 1

Ferrari minaccia l’addio alla Formula 1 nel caso in cui il budget scenda a 135 milioni di euro dagli attuali 160

Mattia Binotto

Ferrari è pronta a lasciare la Formula 1? Questa minaccia, che preoccupa i capi della F1 e anche i fan, è tornata. È quanto ha affermato Mattia Binotto in un’intervista a The Guardian, firmata da Giles Richards. “La nuova richiesta di abbassare il limite di bilancio a 135 milioni di euro è molto impegnativa rispetto a quanto stabilito lo scorso giugno, 160 milioni di euro. È qualcosa che non può essere raggiunto senza sacrifici significativi, in particolare delle risorse umane. Sì vogliono ridurre ancora di più, forse questo ci metterebbe nella condizione di cercare altre opzioni in cui mostrare il nostro DNA delle corse” , afferma Binotto.

In passato, la minaccia di correre a Indianapolis anziché in Formula 1, mostrando anche un modello della Ferrari 637 nel 1968 , indusse la FIA a riconsiderare le sue norme che prevedevano i motori V8, il che l’avrebbe costretta a rinunciare al V12. Oggi la Ferrari ha il diritto di veto su alcune modifiche alle regole. Non vuole esercitarlo, almeno non in modo pubblico, ma può spingere per evitare che la barra del budget diminuisca ulteriormente.

In passato, con Luca di Montezemolo al timone, la Ferrari ha compromesso alcune modifiche normative che l’hanno danneggiata nell’interesse di salvare la F1. La limitazione dei test o l’adozione di un singolo fornitore di pneumatici – le basi su cui si basavano i successi di Michael Schumacher – sono due chiari esempi. Per la Ferrari, 135 milioni di euro nel 2021 e 120 nel 2022 sono inaccettabili.

” Abbassare il livello della F1 a quello delle categorie più piccole va contro il DNA di questa categoria. Dobbiamo essere abbastanza affascinanti da permettere agli sponsor e ai marchi automobilistici di essere tentati di investire in motorposrt”, ha aggiunto Binotto, che ammette che la categoria vive un momento molto complicato, ma avverte che la reputazione della F1 non deve essere “compromessa dal panico, dalle emergenze, perché può avere gravi conseguenze”.

Binotto sottolinea che la Ferrari deve proteggere i propri dipendenti e che queste regole possono portare a licenziamenti di massa, cosa che Ross Brawn non ha escluso.

La Ferrari sta bluffando? Molti tifosi, se non tutti, affermano che ciò è impossibile. Alcuni sostengono che la Ferrari non può sopravvivere senza la F1, il che è troppo prezioso per loro in termini di immagine, marketing, che le loro vendite ne soffrirebbero. Altri pensano che la F1 non possa fare a meno della Ferrari, l’unica squadra presente dal 1950, l’anno in cui fu creato il campionato del Mondo. In generale, la sensazione è che siano condannati a trovare una soluzione.

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento