in

Per Eddie Jordan tutti i compagni di box di Schumacher dovevano essere “seconde guide”

Michael Schumacher sarebbe stato il più grande pilota di tutti i tempi se non fosse per la sua insistenza sul fatto che i suoi compagni di squadra dovevano essere delle seconde guide, almeno secondo Eddie Jordan

Michael Schumacher

Secondo il buon vecchio Eddie Jordan, Michael Schumacher non è il migliore pilota di tutti i tempi. Jordan ha ricordato gli inizi di Schumacher con la Ferrari e le sue preferenze riguardo ai suoi compagni di squadra. Mentre Schumacher era una forza trainante dietro al chiaro dominio della Ferrari dei primi Anni 2000, per Eddie Jordan non ha dovuto affrontare molta concorrenza all’interno del team. Schumacher fece il suo debutto nel 1991 proprio con la Jordan prima di trasferirsi in Benetton, dove vinse i suoi primi due titoli mondiali, e poi in Ferrari. Ma quando raggiunse la Scuderia nel 1996, in accordo con Eddie Irvine, Schumacher rappresentava la priorità per la Scuderia di Maranello.

La clausola nei contratti

Una delle regole non scritte della Formula 1 è che i compagni di squadra sono il primo rivale in questo sport. Tuttavia, per il 7 volte campione del mondo, non è mai stato così. Secondo Eddie Jordan nei suoi contratti c’era una clausola che diceva che i compagni di squadra avrebbero avuto lo status di numero due all’interno del team.

Non c’è dubbio sul fatto che ogni singolo campionato mondiale di Schumacher sia stato vinto per merito. Alcuni potrebbero sostenere che il tedesco ha usato a volte trucchi sporchi per vincere a tutti i costi. Tuttavia, questo è parte integrante della mentalità di un pilota: vincere sopra ogni altra cosa.

Michael Schumacher Jordan
Michael Schumacher alla guida di una monoposto Jordan

Tuttavia, Jordan ritiene che la carriera del tedesco sia stata offuscata da quella clausola. “Michael Schumacher, ho un piccolo problema con Michael…” ha detto Jordan “quando rifletto su tutti i contratti che ho dovuto firmare con la Ferrari con il grande Michael Schumacher, senza alcun dubbio sul suo eccezionale talento, penso che si sia lasciato andare in una zona per me molto particolare. In ogni contratto, che avessi firmato con Irvine, Barrichello o chiunque fossero, c’era una clausola che dovevano sempre mantenere lo status di seconda guida nei confronti di Michael Schumacher. Vorrei tanto che fosse il migliore pilota di tutti i tempi, ma non posso ammetterlo. È una mia convinzione”.

La realtà delle cose

L’influenza di Schumacher sulla Scuderia è stata davvero affascinante. Durante il periodo di dominio della Ferrari in Formula 1, il tedesco non aveva comunque un compagno di squadra che potesse davvero sfidarlo. Guidare per la Ferrari era e rimane un privilegio, ma all’epoca includeva l’accettazione del fatto che Schumacher era il leader del team di fatto che non poteva mai essere messo in discussione. Sarebbe sciocco affermare che Rubens Barrichello poteva essere posto sullo stesso livello di Michael Schumacher. Le statistiche non mentono, ma Barrichello non ha davvero avuto la possibilità di attaccare il suo compagno di squadra. I fan ricordano il Gran Premio d’Austria, dove Rubens ha rallentato qualche metro prima della bandiera a scacchi per far vincere Michael. Di certo non è stata una bella immagine. Avere un compagno di squadra obbediente crea una zona di comfort che ogni pilota conta di possedere. Tuttavia, confonde anche le linee tra le esigenze del team e quelle del pilota stesso.

Quindi Jordan ha concluso: “Qualcuno ha posto Schumacher allo stesso livello di Senna. La gente però aveva una relazione differente con Ayrton Senna. Probabilmente Michael è stato il più talentuoso, ma per me il miglior pilota che abbia mai visto negli ultimi trenta anni è stato Alain Prost”.

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento