in

Ferrari e Red Bull rimarranno sole in Formula 1 se non accetteranno una riduzione del budget

Ferrari e la Red Bull sono state avvertite che in futuro correranno contro se stesse in Formula 1 se continueranno a mettere l’interesse personale davanti al bene comune

Mercedes, Red Bull e Ferrari
Mercedes, Red Bull e Ferrari

La Ferrari e la Red Bull sono state avvertite che in futuro correranno contro se stesse in Formula 1 se continueranno a mettere l’interesse personale davanti al bene comune. Una drastica riduzione del budget, che dovrebbe essere introdotto il prossimo anno, è attualmente in discussione, con un accordo iniziale di $ 175 milioni sceso a $ 150 milioni alla luce dell’attuale crisi globale.

Attori del calibro del CEO della McLaren Zak Brown, tuttavia, sono impazienti di ridurre ulteriormente tale cifra, potenzialmente fino a $ 100 milioni. Il numero uno del team inglese si è detto disposto ad accettare un compromesso di $ 125 milioni. Brown ha chiarito, tuttavia, che due squadre, in particolare, attualmente non sono d’accordo. “Senza 10 squadre, o almeno nove squadre, non puoi cambiare la Formula 1”, ha detto Brown in un vodcast di Sky Sports.

“Sono davvero un paio di squadre che devono fare molta attenzione, perché penso che stiano giocando con il fuoco, per così dire. Ci vuole una griglia completa per avere uno sport, quindi se continuano a rendere lo sport insostenibile e un paio di squadre perdono interesse o finanziariamente non sono più in grado di partecipare, allora correranno contro se stesse, e non funzionerà “.

Brown non ha fatto nomi ma il riferimento a Ferrari e Red Bull è abbastanza evidente. Il CEO di McLaren ha dichiarato: “Daimler ( società madre Mercedes ) ha fatto un ottimo lavoro riconoscendo la situazione in cui ci troviamo, quindi puoi dedurre chi sono le altre due squadre ”. Brown ha suggerito che team del calibro di Ferrari e Red Bull sono simili ai pugili dei pesi massimi che vogliono solo confrontarsi con pesi medi che “dovrebbero essere pronti a combattere a parità di condizioni”.

“È un’enorme piattaforma di marketing per quei due team, quindi capisco perché vogliono mantenere l’equilibrio dove si trova ora”, ha aggiunto Brown. “Ma nello sport, vuoi pensare che tutti possano combattere in modo equo e che vinca la squadra migliore. Se chiedi ai fan, vogliono vedere gare combattute in cui si possa creare entusiasmo ed interesse”.

Ti potrebbe interessare: Red Bull e Ferrari lavorano contro la riduzione del budget in F1