in

Fiat Chrysler: muore il 12esimo dipendente per coronavirus

Dodicesima morte confermata di un dipendente di FCA colpito dal coronavirus

Fiat Chrysler
Fiat Chrysler

Un lavoratore di Fiat Chrysler Automobiles che prestava servizio presso il Chelsea Proving Grounds e a cui è stato diagnosticato il coronavirus è morto giovedì mattina. Questa è la dodicesima morte confermata di un dipendente di FCA colpito dalla malattia respiratoria e la diciannovesima morte confermata per le case automobilistiche di Detroit Three dal 22 marzo. “La UAW piange la perdita di un’altra persona da quando è iniziata la pandemia”, ha dichiarato il portavoce della UAW Brian Rothenberg. FCA per il momento non ha risposto a una richiesta di commento.

Il Chelsea Proving Grounds, un sito di quasi 4.000 acri nel Chelsea a ovest di Ann Arbor, dove FCA sviluppa nuovi veicoli su piste di prova e in laboratori di ingegneria, è l’ottava sede di Fiat Chrysler colpita dalla morte di un lavoratore nelle ultime settimane. La fabbrica è stata chiusa, ha detto la UAW. FCA ha iniziato a chiudere le attività statunitensi tra metà marzo e la fine del mese.

Non è chiaro dove i lavoratori deceduti abbiano contratto la malattia altamente infettiva. Come è tipico della maggior parte dei luoghi di lavoro durante questo periodo, le case automobilistiche stanno monitorando quando i dipendenti sono stati esposti e chi potrebbe aver bisogno di essere avvisato per una potenziale quarantena. Gli operai di fabbrica in molte situazioni hanno lavorato fisicamente vicini l’uno all’altro. Non si può escludere che questo possa aver avuto un ruolo nella trasmissione del virus.

Ti potrebbe interessare: Fiat Chrysler in trattativa con i sindacati per il riavvio della produzione in Italia

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento