in

Fiat Chrysler: muore l’ottavo dipendente per coronavirus

Muore l’ottavo dipendente di Fiat Chrysler in USA a causa del coronavirus, lo ha confermato UAW

Fiat Chrysler
Fiat Chrysler

Un dipendente di Fiat Chrysler Automobiles a cui è stato diagnosticato il nuovo coronavirus che ha lavorato presso il centro nazionale di distribuzione di pezzi MOPAR nel reparto di confezionamento di Center Line è morto. Lo ha confermato UAW giovedì. È la seconda morte di qualcuno che ha lavorato in quel luogo e l’ottavo lavoratore della FCA che è morto dopo aver ricevuto una diagnosi di malattia respiratoria altamente contagiosa. Il portavoce della FCA Jodi Tinson ha dichiarato: “Per rispetto della privacy delle famiglie e di coloro che sono colpiti da questa situazione, stiamo rifiutando di commentare”.

Il 25 marzo, FCA ha rimandato a casa i pochi lavoratori rimasti nel centro di distribuzione MOPAR dopo che almeno un dipendente è risultato positivo per COVID-19. “Il business è stato aperto a volontari retribuiti” perché è un business essenziale, ha detto all’epoca il portavoce della UAW Brian Rothenberg. “Stanno pulendo a fondo e seguendo il protocollo.” Il lavoratore deceduto era un membro di UAW Local 1248.

Natalie Farquhar, membro della UAW, dopo aver sentito la notizia dell’ultima morte, ha dichiarato: “Sono terrorizzata”. Ha trascorso quasi 26 anni a lavorare per FCA e ha confezionato parti per 14 anni presso Center Line. Ha detto che sta monitorando la salute dei colleghi, alcuni dei quali sono attualmente malati. Ha lavorato con il lavoratore che è stato il primo a morire e lo ha visto ogni giorno.

Quest’ultima morte ha riguardato una lavoratrice, ma altri dettagli non sono stati disponibili, secondo il sindacato. Complessivamente, l’UAW ha confermato 12 decessi nelle ultime due settimane per coronavirus tra i dipendenti di case automobilistiche in USA. La UAW ha confermato finora quattro morti di lavoratori Ford e nessuna morte di lavoratori della General Motors.

Ti potrebbe interessare: Coronavirus: Fiat Chrysler utilizza stampanti 3D per la produzione di mascherine

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento