in

Coronavirus: Fiat Chrysler utilizza stampanti 3D per la produzione di mascherine

Fiat Chrysler ha creato un programma per sostenere le misure attuate dal governo brasiliano per combattere la pandemia di coronavirus

Fiat Chrysler
Fiat Chrysler

Fiat Chrysler Automóveis, divisione brasiliana del gruppo italo americano ha creato un programma per sostenere le misure attuate dal governo brasiliano per combattere la pandemia di coronavirus. L’azienda aiuterà, ad esempio nella produzione di protezioni per il viso e nella manutenzione di ventilatori polmonari. La maggior parte delle azioni sarà applicata a Minas Gerais e Pernambuco, dove si trovano le fabbriche dell’azienda in Brasile. La produzione di veicoli è completamente interrotta.

A Betim, nell’area metropolitana, la compagnia ha assegnato parte dell’area Fiat Clube al municipio e al governo statale per ospitare un ospedale da campo per l’accoglienza, lo screening e il ricovero dei pazienti affetti da Covid-19. Lo spazio avrà 120 posti letto e consentirà diagnosi, screening e ricoveri . L’ospedale sarà la porta di accesso al sistema sanitario comunale per i pazienti con sospetto coronavirus e dovrebbe iniziare a operare questa settimana.

Fiat Chrysler sta inoltre allestendo un ospedale da campo con 100 posti letto per la cura dei casi Covid-19 a Goiana (PE). Ci saranno anche dieci uffici e una sala di screening in loco, nonché una stazione di cura, sala di inalazione, sala di amministrazione, bagni e spogliatoi, centro di materiale e sterilizzazione e sala di attesa. Il centro medico sarà consegnato al governo Pernambuco nella seconda metà di aprile.

“Nelle ultime due settimane abbiamo cercato di capire come fosse possibile aiutare meglio gli stati di Minas Gerais e Pernambuco, dove abbiamo una maggiore presenza industriale in Brasile. Contributi ben pianificati e ben eseguiti si sommano per alleviare molte persone”, afferma il presidente di Fiat Chrysler per l’America Latina, Antonio Filosa. FCA metterà anche le sue stampanti 3D a lavorare sulla produzione di schermi facciali in plastica, utilizzati dagli operatori sanitari nella cura dei pazienti presso Covid-19. Saranno fabbricati circa 2.000 pezzi, destinati ai servizi sanitari di Minas e Pernambuco. Le prime unità sono già state prodotte.

La società sta mobilitando risorse e professionisti per accelerare la produzione di ventilatori polmonari in Brasile. “Abbiamo preso contatto con i principali fornitori del paese e identificato i principali problemi per fornire assistenza”, afferma Filosa. I team di Fiat Chrysler stanno cercando nel mercato globale fornitori di componenti con capacità di consegna a breve termine e fonti di finanziamento e valutando i modi per espandere la capacità di produzione installata in Brasile.

Inoltre, FCA fa parte della task force creata dal National Service for Industrial Learning (Senai) e dal Ministero dell’Economia per la riparazione dei ventilatori polmonari non operativi in ​​Brasile. Un totale di 15 tecnici aziendali e altri tre di Comau, una società di automazione e servizi appartenente al gruppo, sono stati formati per riparare queste apparecchiature: ci sono circa 335 dispositivi non operativi a Minas Gerais e altri 275 a Pernambuco e Paraíba.

Infine, l’azienda sta lavorando per le donazioni. In collaborazione con i fornitori, FCA ha donato 500 tute e 2.500 paia di guanti all’Autonomous Social Service (Servas) di Minas Gerais, che sta coordinando la consegna di dispositivi di protezione individuale agli operatori sanitari dello stato. Altre 30 mila maschere chirurgiche usa e getta e 50 kg di alcool gel sono state consegnate al Segretario della salute municipale di Belo Horizonte. Fiat Chrysler ha anche messo a disposizione 125 veicoli in prestito ai governi di Minas e Pernambuco e ai comuni di Belo Horizonte e Betim per sostenere le azioni per combattere la pandemia.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento