in

Giovinazzi: i piloti italiani spesso non hanno i budget per correre in F1

Antonio Giovinazzi spiega che la carenza di piloti italiani in F1 è dovuta principalmente a mancanza di sponsor

Antonio Giovinazzi

Antonio Giovinazzi è il primo pilota italiano a raggiungere la F1 dalla fine del 2011 dopo l’addio di Jarno Trulli e Vitantonio Liuzzi. Spinto a spiegare l’assenza dei suoi connazionali nella disciplina, il pilota Alfa Romeo vede un argomento principale. “La base è molto importante nel motorsport e questa base inizia con i soldi”, spiega Giovinazzi. “Devi avere molti soldi per andare lontano nel motorsport.”

“Ad esempio, ho dovuto avere molti soldi da solo, più volte, per poter arrivare in Formula 1. Tuttavia, trovare questi soldi non è possibile per tutti, soprattutto perché costa molto avere un bambino che corre in giovane età “. Giudica anche che la MotoGP sia stata in grado di vampirizzare i giovani italiani che desideravano lanciarsi nel motorsport grazie a Valentino Rossi che è stato un idolo di molti ragazzini: “Valentino ha un nome completamente diverso da me o da altri italiani in F1 “.

I piloti potrebbero essere aiutati dalle varie accademie di giovani piloti, ha detto Giovinazzi essendo lui stesso un prodotto della Ferrari Driver Academy: “Speriamo che le diverse accademie dei principali team possano includere piloti italiani. Speriamo che saranno in grado di trovare la loro strada per la Formula 1 attraverso queste accademie. O grazie a qualcuno come Nicolas Todt, che cerca sempre di aiutare i giovani talenti. Questo tipo di persone sono quelle che sostengono il talento “.

Ti potrebbe interessare: Giovinazzi ammette: “Non è facile tornare in F1 dopo due anni senza gareggiare”

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento