in

Coronavirus: i concessionari canadesi chiedono supporto al governo

Il Governo canadese ha stanziato 82 miliardi di dollari canadesi per sostenere l’economia della nazione

Canadian Automobile Dealers Association

La Canadian Automobile Dealers Association (CADA) ha chiesto al Governo canadese di accelerare il supporto finanziario in quanto il coronavirus sta incidendo parecchio sull’economia.

In una dichiarazione, Oumar Dicko – economista di CADA – ha affermato che i concessionari canadesi hanno difficoltà a restare aperti e a tenere il personale, quindi è necessario un supporto economico immediato.

Oumar Dicko CADA
Oumar Dicko, economista di Canadian Automobile Dealers Association (CADA)

Coronavirus: la pandemia sta mettendo in ginocchio le concessionarie del Canada

In particolare, Dicko ha affermato: “L’accesso ai fondi fra tre o quattro settimane potrebbe essere troppo tardi per alcune aziende. Potrebbe non avere l’effetto previsto dal governo che sta cercando di fare per l’economia“.

Il Governo canadese ha annunciato un pacchetto finanziario di aiuti da 82 miliardi di dollari canadesi per sostenere le persone e le imprese colpite dal coronavirus. Tuttavia, l’economista della Canadian Automobile Dealers Association teme che i ritardi nell’ottenere il sostegno finanziario potrebbero costringere alcuni showroom a chiudere.

Oumar Dicko ha proseguito dicendo: “Il COVID-19 rappresenta una grave crisi sanitaria, ma sta anche avendo un impatto economico devastante. Molti settori economici saranno colpiti duramente, compreso quello automobilistico e le concessionarie. In CADA lo capiamo. Il nostro obiettivo in questo momento è garantire la continuità aziendale a lungo termine nel settore“.

Il Canadian Black Book (CBB) ritiene che il blocco del paese e le rigide politiche di distanziamento sociale potrebbero portare a una lieve recessione in cui la fiducia dei consumatori diminuirà, la disoccupazione aumenterà e le vendite di nuove auto potrebbero calare del 25% quest’anno a 1,44 milioni di unità.

Addirittura una recessione più grave potrebbe portare le immatricolazioni di nuove auto a diminuire del 40% a 1,15 milioni di unità. Auto News, infine, riferisce che la CADA vuole collaborare con il Governo canadese a lungo termine su un piano per far riprendere l’economia una volta che la pandemia si sarà placata.