in

Fiat Chrysler: la costruzione dello stabilimento in USA riprende dopo lo stop per Coronavirus

Fiat Chrysler riprende i lavori di costruzione dello stabilimento di Detroit interrotti giovedì dopo che un operaio era risultato positivo al Coronavirus

Fiat Chrysler
Fiat Chrysler

Fiat Chrysler Automobiles ha interrotto la costruzione giovedì sera nel suo nuovo stabilimento di assemblaggio di Detroit dopo che un subappaltatore “è risultato potenzialmente positivo per COVID-19”, ma ha ripreso a lavorare venerdì mattina, lo ha confermato la casa automobilistica. La casa automobilistica sta trasformando il Mack Avenue Engine Complex sul lato est di Detroit nel primo nuovo impianto di assemblaggio della città dopo quasi 30 anni. Si tratta di una scadenza molto stretta per farlo in soli 16 mesi in modo che la produzione possa iniziare negli ultimi tre mesi di quest’anno.

“Anche se questo individuo non è uno dei nostri dipendenti, per una grande cautela e nel migliore interesse di tutti coloro che lavorano nel sito, abbiamo interrotto il lavoro in modo che il subappaltatore potesse effettuare una pulizia approfondita di tutte le aree in cui lavorano i suoi dipendenti “, ha dichiarato la portavoce di Fiat Chrysler Jodi Tinson in una nota.

Il lavoro è ripreso quando l’azienda si è convinta che il sito fosse pronto per riprendere la costruzione, ha aggiunto Tinson. L’interruzione del lavoro è arrivata dopo che Fiat Chrysler insieme ai suoi rivali ha concordato di chiudere temporaneamente le loro strutture nordamericane in mezzo alla nuova pandemia di coronavirus a seguito delle proteste dei dipendenti e delle pressioni dei sindacati per farlo.

Fiat Chrysler ha avuto casi positivi di virus nelle strutture in Indiana e Michigan e ha messo le persone che sono venute in contatto con loro in auto-quarantena. La società afferma di aver implementato maggiori sforzi di pulizia e protocolli di distanziamento sociale in tutte le sue strutture. Il nuovo impianto di assemblaggio dovrebbe iniziare a produrre un nuovo SUV Jeep a tre file nel quarto trimestre del 2020 e la riprogettata Jeep Grand Cherokee all’inizio del 2021.

Ti potrebbe interessante: Fiat Chrysler, Toyota e Renault si arrendono: stop alla produzione anche in Brasile

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento