in

Ferrari riadatta il suo programma di sviluppo secondo ipotetici calendari

Il capo del team Ferrari Mattia Binotto afferma che le restrizioni per prevenire la diffusione del coronavirus in Italia stanno influenzando il programma di sviluppo del team

Ferrari
Ferrari

Il capo del team Ferrari Mattia Binotto afferma che le restrizioni per prevenire la diffusione del coronavirus in Italia stanno influenzando il programma di sviluppo del team. Naturalmente, aggiunge che stanno lavorando sodo per riadattare i loro programmi di sviluppo in base ai calendari alternativi che stanno prendendo in considerazione ora. Binotto spiega che hanno preparato diversi programmi per sviluppare la loro SF1000 a seconda del programma finale che rimane per la stagione 2020, che al momento non è noto.

“Ci sono molte restrizioni che sono state applicate per ridurre al minimo i rischi di contagio e ciò sta influenzando la nostra capacità di sviluppo”, afferma Binotto parlando con il sito ufficiale della Formula 1. “Prima di chiudere, abbiamo cercato di adattare i programmi di sviluppo sulla base di vari calendari ipotetici, ma ovviamente dobbiamo aspettare l’evoluzione della diffusione del coronavirus nel mondo e gli effetti che può avere”, ha aggiunto. Binotto e Ferrari sono pronti a supportare sia la Formula 1 che la FIA nel loro processo decisionale, al fine di ravvivare ad un certo punto questa situazione così complicata per entrambe le parti. Quelli di Maranello sperano di tornare in pista il più presto possibile, ma vogliono che sia in totale sicurezza.

” Solo quando avremo un quadro più accurato di tutto, sapremo cosa porteremo al primo GP della stagione. Dobbiamo capire come si svolgerà la situazione, ma speriamo di tornare in pista il più presto possibile, una volta che le condizioni saranno le più appropriate . da parte nostra, siamo pronti a sostenere la Formula 1 e la FIA , “insiste il capo della Ferrari. D’altra parte, Binotto esprime tutto il suo sostegno per i cittadini italiani, che stanno attraversando un periodo molto difficile a causa della diffusione del coronavirus. Il caposquadra Ferrari ricorda anche che la salute e il benessere dei suoi dipendenti è la cosa più importante.

“La salute dei nostri dipendenti è importante. È la nostra priorità. Siamo riusciti ad andare a Melbourne, anche se non è stato facile per noi essere lì, dal momento che abbiamo dovuto cambiare anche il nostro piano di volo. Ma soprattutto, è quello che è succede in Italia ciò che ci preoccupa. Esprimiamo la nostra solidarietà a tutto il nostro personale qui “, afferma.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento