in

Carey: “ripartiremo quando potremo garantire sicurezza alla Formula 1”

In una lettera Chase Carey, capo di Liberty Media, ha voluto rivolgersi agli appassionati e a chi è stato colpito dal coronavirus

Chase Carey
Chase Carey

Si rivolge a tutti i fan della Formula 1, Chase Carey, il grande capo di Liberty Media ha infatti voluto sottolineare i prossimi passi che intende mettere in pratica, nell’ottica di proteggere tutti quanti dalla minaccia del Coronavirus. Le sue parole giungono dopo qualche giorno dall’annullamento del Gran Premio di Melbourne in Australia proprio a causa dell’emergenza Coronavirus.

Dalla lettera diffusa, Carey appare dispiaciuto per la situazione che si è venuta a creare a seguito dell’emergenza Coronavirus.

La lettera di Carey

Chase Carey ha voluto quindi rivolgersi proprio ai fan per “manifestare alcune prospettive che riguardano quello che è successo durante la scorsa settimana a causa della pandemia di Coronavirus” si legge nel comunicato. Ha ammesso che “prima di tutto, le nostre priorità sono quelle legate alla salute e alla sicurezza dei nostri fan, di tutti i team e dell’organizzazione della Formula 1 senza tralasciare la società in generale” prosegue la nota “ci scusiamo con gli appassionati colpiti dalla cancellazione del Gran Premio di Australia come per quelli già posticipati”.

Carey ha rimarcato il fatto che le decisioni su rinvii e annullamenti sono comunque state prese di comune accordo con i vari enti: “abbiamo preso tali decisioni in accordo con FIA e i vari promoter locali viste anche le attuali circostanze che cambiano seguendo una rapidissima evoluzione. Siamo convinti che ogni scelta messa in atto sia stata giusta oltre che necessaria”. Il pensiero di Chase Carey è rivolto anche alle persone “colpite dalla malattia, comprese quelle che orbitano attorno alla Formula 1”.

Nulla si sa sulle prossime tappe. “Sappiamo bene che ognuno di noi vuole sapere cosa succederà alla Formula 1 quest’anno. Ma adesso non possiamo darvi una risposta specifica. La situazione è in costante divenire. Tuttavia vogliamo cominciare quando sarà possibile andare avanti in completa sicurezza. Collaboriamo ogni giorno con esperti e funzionari per valutare come procedere. Vi daremo tutti i dettagli il prima possibile”. Nella speranza che tutto vada presto per il verso giusto.