in

Brawn difende il modo in cui la Formula 1 ha deciso di cancellare il GP d’Australia

Ross Brawn ha difeso il modo in cui il management della F1 ha affrontato la situazione farsesca che circonda la cancellazione del Gran Premio d’Australia

Ross Brawn _ 2

Ross Brawn ha difeso il modo in cui il management della F1 ha affrontato la situazione farsesca che circonda la cancellazione del Gran Premio d’Australia a causa della pandemia di coronavirus. Nonostante ogni altro grande sport al mondo sia stato rimandato, annullato o abbia deciso di tenere eventi a porte chiuse, la F1 aveva deciso di continuare con la sua gara di apertura della stagione in Australia, con grande sorpresa di molti, con Lewis Hamilton che ha ammesso che è stato “scioccante”.

Quindi, dopo che uno dei membri dello staff della McLaren è risultato positivo e la squadra inglese ha deciso ritirarsi del tutto dalla gara, si è ritenuto che la gara sarebbe stata rapidamente annullata. Ciò non è accaduto, con notizie contrastanti che dicevano che sarebbe andata avanti, mentre altri affermavano di no. Alla fine, mezza giornata dopo e con i fan già riuniti in pista, è stato fatto l’annuncio.

“Qui sono state consultate le squadre, le autorità mediche, la FIA e i promotori”, ha dichiarato il direttore generale della F1 Ross Brawn al sito ufficiale della F1. “Sono stato sveglio tutta la notte”, ha aggiunto. “Avevamo tanti problemi da risolvere. Abbiamo dovuto riunire di nuovo le squadre e tenere una riunione. Tutto richiede tempo.”

“Non è un’autocrazia totale”, ha continuato, “poiché non possiamo prendere una decisione facilmente. Abbiamo così tanti fattori da tenere in considerazione. Penso che abbiamo fatto un ottimo lavoro nel raggiungere la giusta conclusione con così tante parti interessate stiamo parlando con la FIA, che si trova in Europa con un fuso orario europeo, e abbiamo dovuto parlare con Jean Todt. “Chase [Carey], sfortunatamente, era in volo, volando tra il Vietnam e qui. Quindi è stato un periodo piuttosto stressante. Considerando che abbiamo affrontato tutto in 12 ore, per qualcosa di così importante, penso sia stato buono.”

Alla domanda sul perché squadre, piloti e management abbiano persino viaggiato in Australia, ha risposto: “Eravamo entusiasti di partecipare alla gara. È un evento molto positivo. Volevamo dare il via alla stagione. È una grande gara con grandi fan e un weekend meraviglioso. Abbiamo un grande impatto sull’economia qui e ha un impatto anche sulla nostra economia.”

La Formula 1 deve funzionare, dobbiamo farla funzionare, così abbiamo guardato l’intera situazione e quando abbiamo deciso di andare, abbiamo esaminato le diverse dinamiche. Probabilmente ciò che ha sorpreso tutti è la rapida espansione di questo problema. “L’escalation di nuovi casi, certamente in paesi come l’Italia, dove è diventata quasi virale. Nessuno se lo sarebbe aspettato “.

Ti potrebbe interessare: Per Ross Brawn la Formula 1 dovrà presto dire addio ai motorhome