in ,

Dodge Challenger SRT Demon modificata sfida una McLaren 720S anch’essa potenziata | Video

La muscle car americana e la supercar britannica, entrambe modificate, si sfidano in una drag race

Dodge Challenger SRT Demon DragTimes
Dodge Challenger SRT Demon

La McLaren 720S e la Dodge Challenger SRT Demon sono due vetture di produzione molto performanti. Nel video presente in fondo all’articolo, pubblicato qualche giorno fa su YouTube da DragTimes, è possibile vedere come i due veicoli riescano a proporre delle prestazioni simili.

La 720S bianca ha subito una serie di aggiornamenti al motore V8 biturbo da 4 litri poiché ora sviluppa 912 CV anziché 720 CV. L’intera potenza viene scaricata sulle ruote posteriori. Un aumento del genere ha permesso alla vettura di ottenere un’accelerazione davvero spaventosa.

McLaren 720S DragTimes
McLaren 720S

Dodge Challenger SRT Demon: un esemplare modificato si scontra con una McLaren 720S potenziata

Allo stesso modo, il propulsore Hemi V8 sovralimentato da 6.2 litri della Dodge Challenger SRT Demon rossa ora sviluppa una potenza di 990 CV anziché 852 CV. La versione stock, il cui motore dispone di 1044 nm di coppia massima, è in grado di scattare da 0 a 96 km/h in 2,3 secondi e da 0 a 160 km/h in 5,1 secondi mentre il quarto di miglio viene completato in 9,65 secondi a 225 km/h.

L’esemplare usato in questa drag race ha ricevuto una serie di aggiornamenti a compressore e sistema di scarico ed è stato implementato un nuovo corpo farfallato. Inoltre, abbiamo un set di pneumatici sviluppati appositamente per le drag race.

Dodge Challenger SRT Demon vs McLaren 720S DragTimes

Nella prima delle due gare disputate, la Challenger SRT Demon riesce ad avere uno scatto più rapido. Tuttavia, la supercar britannica la supera verso la fine del quarto di miglio, principalmente grazie al suo peso complessivo molto più leggero.

Nella prima gara, la McLaren 720S ha completato i 400 metri in 9,069 secondi a 250 km/h mentre la muscle car del brand statunitense in 9,102 secondi a 241 km/h. Per avere maggiori informazioni sul confronto, vi consigliamo di dare un’occhiata al video sottostante.