in

Hamilton e Raikkonen, critici della gestione del coronavirus: “Comanda il denaro”

Hamilton e Raikkonen critici contro la Formula 1 e Liberty Media che nonostante il Coronavirus hanno deciso di far disputare il Gp in Australia

Hamilton e Raikkonen

Mentre l’Organizzazione mondiale della sanità dichiara il coronavirus una pandemia e molti paesi reagiscono con varie misure di shock, la Formula 1 non cambia le sue abitudini in Australia, una situazione che alcuni piloti non comprendono. Sebbene siano state prese misure per ridurre al minimo il contatto dei piloti con i fan e la stampa, la verità è che il paddock Albert Park continua a sviluppare molte attività, un aspetto che preoccupa team e piloti. La maggior parte di loro ha scelto di tenere un discorso di fiducia con le autorità locali, Liberty Media e FIA ​​sulla gestione della situazione, ma due pesi massimi della griglia non hanno fatto altrettanto e dichiarano di non essere d’accordo con la celebrazione del primo Gran Premio della stagione.

“Sono davvero molto, molto sorpreso che siamo qui”, ha detto Lewis Hamilton alla conferenza stampa ufficiale della FIA, seduto accanto a Nicholas Latifi, Sebastian Vettel e Daniel Ricciardo. “Penso che il motorsport sia … Penso che sia fantastico avere gare, ma mi sorprende che siamo tutti seduti in questa stanza. Così tanti fan qui già oggi. E sembra che il resto del mondo stia probabilmente reagendo un po’ tardi.

Mentre in paesi come gli Stati Uniti o la Danimarca vengono prese misure radicali per cercare di fermare l’improvviso aumento delle infezioni da coronavirus che fanno crollare il sistema sanitario, la Formula 1 continua a lottare per mantenere invariato il programma – con la nota eccezione del GP della Cina-. “Già stamattina abbiamo visto che (il presidente degli Stati Uniti) Donald Trump sta chiudendo i confini dall’Europa agli Stati Uniti, stiamo vedendo che la NBA è stata sospesa, ma la Formula 1 continua”.

“Ho visto Jackie Stewart in forma e in salute stamattina nell’ascensore e alcune persone anziane quando sono entrato nel paddock, è un problema per le persone qui”, ha ammesso Lewis Hamilton. «È un circo abbastanza grande che è arrivato qui. Quindi è sicuramente preoccupante secondo me.

Il campione del mondo in carica ritiene che l’unica spiegazione per la continuità del campionato sia l’interesse economico. Il denaro è re. Non posso davvero aggiungere altro. Il fatto è che siamo qui e esorto tutti a stare più attenti possibile quando toccano porte e superfici, spero che tutti abbiano disinfettante per le mani. E davvero, per i fan, spero davvero, che prendano precauzioni “, ha detto.

Kimi Raikkonen, che di solito è molto conciso nelle sue dichiarazioni, ma anche molto diretto, ha anche espresso la sua sorpresa e ritiene che le squadre siano pronte a competere in Australia contro la loro volontà. «Non so se è giusto che siamo qui, probabilmente no, ma non dipende da noi, non è una nostra decisione. Penso che se fosse solo la decisione di tutte le squadre, probabilmente non saremmo qui » , ha concluso.

Ti potrebbe interessare: Formula 1 e Coronavirus: ipotesi due GP in Bahrain, in Australia tre sospetti in due team

 

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento