in

Todt avrebbe incoraggiato le squadre a protestare contro la Ferrari

Il presidente della FIA, Jean Todt, avrebbe incoraggiato le squadre a ribellarsi e chiedere spiegazioni sull’indagine del motore Ferrari

Jean Todt

Il presidente della FIA, Jean Todt, avrebbe incoraggiato le squadre a ribellarsi e chiedere spiegazioni sull’indagine del motore Ferrari nell’ultimo Gran Premio di Abu Dhabi. Jean Todt si rammarica per il danno che sta subendo la reputazione della FIA. Il francese nega che la Federazione abbia consigliato alle squadre di Abu Dhabi di non protestare contro la Ferrari, perché secondo la pubblicazione tedesca Auto Motor und Sport, è stato lo stesso Todt a incoraggiare alcuni capi squadra a dichiarare di avere dei dubbi. Inoltre, il francese sarebbe stato anche colui che ordinò l’ispezione interna approfondita della centralina Ferrari.

Una delle voci del paddock dice che è possibile dimostrare che la Ferrari ha barato con il suo motore, contrariamente a quanto afferma la FIA. “Esistono software che dimostrano che la Ferrari ha manipolato il sensore di flusso nel sistema a benzina in determinate fasi. Esistono dati sulle prestazioni che dimostrano chiaramente che la Ferrari è stata in grado di attivare una potenza significativamente maggiore a volte. Questi dati sono in contrasto con i motori dei clienti, dove questo ovviamente non era possibile “, afferma una fonte di paddock, secondo la pubblicazione tedesca.

In assenza di risposte chiare, le sette squadre che hanno protestato contro la Ferrari vogliono incontrarsi a Melbourne questo venerdì per decidere come procedere, dal momento che secondo il consulente della Red Bull Helmut Marko, ci sono 26 milioni di euro andati alla Ferrari che toccherebbero a loro e questo è un problema importante per tutti.

Ti potrebbe interessare: Jean Todt spera di poter partecipare a una gara con Michael Schumacher “un giorno”