in

Sebastian Vettel riconosce che la Mercedes è un passo avanti rispetto alla Ferrari

Sebastian Vettel ha riconosciuto che la Mercedes è un passo avanti rispetto alla Ferrari prima di arrivare al GP di Australia

Sebastian Vettel _ 6

Sebastian Vettel ha riconosciuto che la Mercedes è un passo avanti rispetto alla Ferrari prima di arrivare al GP di Australia 2020. Il tedesco ritiene che quelli di Brackley abbiano avuto pochi problemi durante la preseason e riconosce che Lewis Hamilton e Valtteri Bottas partono tra i favoriti. Vettel ha spiegato che la Mercedes è in vantaggio rispetto al resto della griglia sia nella corsa breve che nella simulazione di gara. “Sembra che siano più a loro agio. Non solo nel giro veloce, che è ciò che la gente di solito guarda, ma in generale anche anche nel ritmo di gara”, ha dichiarato in una conferenza stampa sul Circuit de Barcelona-Catalunya.

“Se guardi la Mercedes in questo momento sono avanti. Ogni volta che escono in pista, sono molto a loro agio, mentre le altre squadre devono spremere un po’ di più”, ha aggiunto. Nonostante ciò, il quattro volte campione chiede di rimanere calmo perché crede che la Scuderia non abbia goduto delle migliori condizioni sull’asfalto di Montmeló. “Penso che abbiamo anche fatto giri che sono stati migliori, altri peggiori. È piuttosto complicato spiegare, a seconda dell’ora del giorno, le condizioni della pista e non so neanche cosa stiano facendo le altre squadre.”

Inoltre, quelli di Maranello hanno effettuato diversi test con la regolazione dell’SF1000 e con pezzi recentemente usciti dalla fabbrica. Alcuni hanno dato un risultato migliore di altri. “Ovviamente, abbiamo provato alcune cose che hanno funzionato molto bene e altre che non sono state buone. Ciò ha influito anche sui nostri tempi sul giro”, ha spiegato.

Sicuramente, Vettel non pensa che i test siano il riflesso esatto di ciò che verrà visto presto in Australia. Il tedesco riconosce che la Ferrari non è una delle favorite, ma è prudente e preferisce aspettare di vedere quale sia il vero potenziale degli italiani. “Penso che abbiamo visto abbastanza in sei giorni di test. Non si sa davvero dove siamo e forse quando arriveremo in Australia le cose saranno diverse. Forse non siamo i favoriti, ma vedremo dove siamo dopo le prime due gare”, ha detto Vettel in conclusione.

Ti potrebbe interessare: Sebastian Vettel, il futuro e la SF1000