in

Sette team di Formula 1 contro l’accordo tra FIA e Ferrari

Sette squadre sarebbero pronte a fare causa alla FIA e alla Ferrari per l’accordo segreto stipulato

Ferrari Barcellona 2020 _ 2

Le sette squadre che non usano le unità di potenza Ferrari stanno minacciando un’azione legale in risposta all’accordo segreto raggiunto dalla FIA con il produttore italiano. Venerdì la FIA ha annunciato di aver concluso l’analisi del modo in cui la Ferrari ha gestito la sua unità di potenza e ha raggiunto un accordo con il team, aggiungendo che “i dettagli dell’accordo rimarranno tra le parti”. La dichiarazione ha fatto arrabbiare Mercedes, Red Bull, McLaren, Renault, Racing Point, AlphaTauri e Williams, e le sette dichiarazioni rilasciate identiche mercoledì mattina segnalano il loro scontento.

“Noi, sottoscritti team, siamo rimasti sorpresi e scioccati dalla dichiarazione della FIA di venerdì 28 febbraio in merito alla conclusione delle sue indagini sull’unità di potenza di Formula 1 della Scuderia Ferrari”, si legge nella nota. “Un regolatore sportivo internazionale ha la responsabilità di agire con i più alti standard di governance, integrità e trasparenza. Dopo mesi di indagini che sono state intraprese dalla FIA solo a seguito di domande sollevate da altre squadre, ci opponiamo fermamente al fatto che la FIA raggiunga un accordo di accordo confidenziale con la Ferrari per concludere la questione.

“Pertanto, dichiariamo pubblicamente il nostro impegno condiviso a perseguire una divulgazione completa e adeguata in materia, al fine di garantire che il nostro sport tratti tutti i concorrenti in modo equo. Lo facciamo per conto dei fan, dei partecipanti e delle parti interessate della Formula 1. Inoltre, ci riserviamo il diritto di chiedere un risarcimento legale, nell’ambito del giusto processo della FIA e dinanzi ai tribunali competenti”

Le uniche squadre a non firmare la dichiarazione sono i clienti Ferrari Haas e Alfa Romeo. Le sette squadre sono tutte scontente dell’opacità della dichiarazione della FIA. Quando vengono sfruttate le aree grigie, la FIA in genere emette direttive tecniche per fornire chiarimenti, che consentono ai team di capire cosa è o non è legale per loro perseguire. In questo caso, la protesta è incentrata sulla mancanza di chiarezza sul fatto che la centralina Ferrari fosse legale per tutto il 2019.

Ti potrebbe interessare: Ferrari e la FIA raggiungono un ‘accordo’ sulle irregolarità del motore del 2019