in

Binotto pensa ci sia ancora molto lavoro da fare sulla SF1000

Il team principal della Ferrari Mattia Binotto pensa che siano ancora tanti i miglioramenti da fare alla nuova monoposto

Ferrari SF1000 - 3

La Ferrari mostrato un barlume delle sue capacità prestazionali nell’ultima giornata dei test pre-stagionali, ma il team principal Mattia Binotto afferma che ogni area della SF1000 ha bisogno di miglioramenti se vogliono competere con la Mercedes per tutta la stagione. Non riuscendo a eguagliare il ritmo della Mercedes nelle prime fasi dei test pre-stagionali, Binotto era aperto sui miglioramenti necessari al suo team Ferrari per vincere nel 2020.

“Le prestazioni complessive devono essere migliorate”, ha detto Binotto. “L’unità di potenza, persino l’installazione. Non credo che ci sia un’unica area in cui dobbiamo concentrarci, ma tutte le aree. L’ala posteriore introdotta nella seconda settimana è un’ala con un po’ meno carico aerodinamico e meno resistenza. Quella che abbiamo portato nella prima settimana ha avuto un carico aerodinamico massimo. Le parti che abbiamo ottenuto sull’auto funzionano almeno come previsto.

“Siamo dove pensavamo di essere. Sapevamo di aver trascinato molto, sapevamo le prestazioni della centralina, quindi quella era la velocità che ci aspettavamo. Gli altri sono molto più veloci sui rettilinei.” Come per ogni squadra, la Ferrari deve bilanciare lo sviluppo della propria vettura del 2020 insieme alla nuova vettura del 2021, che funzionerà con regole aerodinamiche completamente nuove. Ad un certo punto, ciascuna delle dieci squadre sceglierà di concentrare i propri sforzi per il 2021 e Binotto ammette che la sua decisione si baserà sulle poche gare di apertura della stagione.

“È un compromesso che dobbiamo accettare”, ha detto. “Siamo ancora all’inizio della stagione e non puoi scendere a compromessi per l’intera stagione, quindi all’inizio continueremo sicuramente a spingere sul 2020 il più possibile, perché è tempo per noi di capire la macchina e le sue debolezze. Speriamo che siano cose che possiamo affrontare al più presto. Se dopo alcune gare capiremo ancora che il divario è troppo grande, quella di dedicarsi al 2021 allora forse è una cosa che possiamo prendere in considerazione”, ha aggiunto. “Ma siamo ancora solo alla fase iniziale. Quindi è ancora presto per dirlo.”

Ti potrebbe interessare: Mattia Binotto pensa a Vettel per il futuro, ma Ricciardo non commenta possibili voci

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento